Alla Folgore Caratese il derby brianzolo contro la Vis Nova, in serie D l’ultima volta si disputò negli anni 50
Il rigore trasformato da Cocuzza al 29' del pt che portava in vantaggio la Folgore Caratese ( foto Volonterio)

Alla Folgore Caratese il derby brianzolo contro la Vis Nova, in serie D l’ultima volta si disputò negli anni 50

Lambraioli vittoriosi con una doppietta di Cocuzza, uno dei due gol su rigore: i giussanesi replicano solo con un altro penalty ed escono sconfitti

Il derby di Brianza fra Folgore Caratese e Vis Nova che non si disputava in serie D, dagli anni Cinquanta, ed esattamente all’interno degli anni1954 al 1958, è stato vinto di misura (2-1) dai lambraioli, con una doppietta nel primo tempo di Cocuzza al 29’ su calcio di rigore e al 41’. Il Vis Nova accorciava le distanze al 31’ con un penalty trasformato da Fall a seguito di un fallo commesso su Ballabio. E’ stato una sfida dai due volti. Il primo tempo nettamente in favore dei padroni di casa che potevano già passare in vantaggio nei primi minuti di gioco ma i punteros bianco celesti non sapevano approfittare di amnesie difensive del Vis Nova e dovevano attendere il 29’ per sbloccare il risultato. Coccuzza quasi sulla linea di fondo andava al tiro e in uscita il portiere Ferrara lo atterrava. Un rigore piuttosto generoso in quanto il tiro di Cocuzza si fermava sulla rete esterna. Il direttore di gara era di diverso avviso e decretava la massima punizione che lo stesso Cocuzza trasformava. E al 41’ la Folgore Caratese raddoppiava sempre con Cocuzza abile e sfruttare un tiro respinto dalla traversa che andava a finire sui suoi piedi.

Il Vis Nova accorciava le distanza al 31' della ripresa con un penalty siglato da Maguette Fall ( foto Volonterio)

Il Vis Nova accorciava le distanza al 31' della ripresa con un penalty siglato da Maguette Fall ( foto Volonterio)

Diversa la musica nella ripresa. L’umile e modesto Vis Nova si svegliava dal torpore del primo tempo e costringeva i padroni di casa a subire il loro gioco. All’8’ un tiro di Meggior si stampava sulla traversa. E in una delle numerose incursioni in area lambraiola il Vis Nova accorciava le distanze. Al 31’ Fall trasformava il calcio di rigore concesso per un fallo in area ai danni di Ballabio. Generoso era il forcing dei verde nero senza però riuscire a pervenire al pareggio che avrebbero meritato, per la volontà e generosità dimostrata. Il Vis Nova era schierato privo di giocatori importanti come Proserpio squalificato e Frigerio infortunato ed imbottito di tanti giovani, tra cui Filippo Calabrò (2002) al debutto proveniente dal Club Milano di eccellenza. Il Vis Nova adesso è fanalino di coda dopo la penalizzazione di tre punti inflitta per aver schierato Bartoli, che doveva scontare ancora una giornata di squalifica contro il Real Calepina ( gara termina 2-2) ma persa a tavolino per 0-3.

Giornata positiva, invece, la tredicesima di andata del campionato di serie D, girone B, per il Leon Vimercate che al 90’ con il bomber Bonseri ha sbancato il difficile rettangolo della Real Calepina.

Sabato 4 dicembre, il Vis Nova, sarà impegnato al centro sportivo Stefano Borgonovo contro il Desenzano e sarà priva anche di Orellana Cruz e Calmi, espulsi al termine del match con la Folgore Caratese. Il Leon ospiterà il Breno, mentre la Folgore Caratese sarà impegnata in trasferta a Brusaporto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA