Zona arancione: ecco cosa si può fare
Alcune regole della zona arancione

Zona arancione: ecco cosa si può fare

Un vademecum per capire cosa sarà possibile fare da domenica 24 in Lombardia con il ritorno alla zona arancione. Lezioni in presenza fino alle scuole medie e aperti i negozi al dettaglio. Resta il coprifuoco dalle 22 alle 5.

Con il ritorno alla zona arancione cosa si potrà fare? Ecco un vademecum: ci si può muovere nel proprio comune solo per lavoro, salute, emergenze e per accompagnare i figli a scuola mentre è vietato spostarsi in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, se non per «comprovate esigenze». Per spostarsi occorre un modulo con generalità e motivo dello spostamento. Vietati invece fino al 15 febbraio gli spostamenti tra regioni salvo che per andare alle seconde case.

Con il passaggio a zona arancione sono aperti gli asili nido, le scuole materne, elementari e medie, con didattica integralmente in presenza.

Resta attivo il coprifuoco dalle 22 alle 5. E’ consentito andare, una sola volta al giorno, per massimo 2 persone adulte (e figli minori di 14 anni o persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro), verso un’altra abitazione privata nello stesso Comune per fare visita ad amici e parenti. E’ consentito andare in una seconda casa, anche al di fuori dalla Regione (e anche se la Regione dove ci si dirige è in zona rossa, o arancione) «a coloro che possano comprovare di avere effettivamente avuto titolo per recarsi anteriore al 14 gennaio 2021». Inoltre la casa di destinazione «non deve essere abitata da persone non appartenenti al nucleo familiare convivente con l’avente titolo, e vi si può recare unicamente tale nucleo».

L’attività motoria è consentita all’aperto nel proprio comune mentre restano ancora chiude palestre, piscine e centri sportivi. Sono aperti i negozi al dettaglio mentre i centri commerciali sono chiusi nei giorni festivi e prefestivi, inoltre sono sospese le attività dei servizi di ristorazione di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie ma gino alle 22 è possibile comprare cibo da asporto, che però non si può consumare sul posto. Per i bar l’asporto è vietato dopo le 18.


© RIPRODUZIONE RISERVATA