Seregno, parte “Estate in contatto” al Crocione: anguria, giochi e the
I locali di via Bottego che ospiteranno il nuovo servizio

Seregno, parte “Estate in contatto” al Crocione: anguria, giochi e the

Giochi, anguria e un the pomeridiano: parte il progetto “InConTatto”, promosso dal comune di Seregno in via Bottego, quartiere Crocione. E lo fa con quattro appuntamenti, al martedì, per tutto il mese di agosto.

L’attività del nuovo progetto InConTatto in via Bottego, nel cuore del Crocione, sta per entrare nel vivo. Dopo le numerose e appassionate polemiche che ne hanno anticipato l’avvio e la recente presentazione al pubblico nella sede di Cartanima, sul lato opposto della strada, ci siamo. «I problemi per la firma della convenzione con le associazioni partner - ha spiegato nei giorni scorsi l’assessore alle Politiche sociali Laura Capelli - sono stati finalmente superati. Ora a breve si procederà ad una sistemazione degli spazi e qualche iniziativa potrà essere proposta credo già anche nel mese di agosto». E infatti partirà martedì 6 agosto”E-state in Contatto” con un calendario di quattro appuntamenti: martedì 6, dalle 9 alle 11, giochi di gruppo; martedì 13 anguriata dalle 15.30 alle 18; martedì 20 ancora giochi di gruppo dalle 15.30 alle 18; chiusura martedì 27 agosto, dalle 15.30 alle 18, con “Raccontami di T(h)E”.

L’assessore Laura Capelli

L’assessore Laura Capelli

«Le ore complessive di apertura dello sportello, a regime, saranno cinquanta e si baseranno su un’idea di approccio solidale all’interno del quartiere Sant’Ambrogio. Per l’amministrazione comunale non ci saranno oneri, se non la concessione dei locali. Avremo il progetto Prisma a favore di bambini ed adolescenti, il progetto Giovani connessi indirizzato a ragazzi tra gli 11 ed i 17 anni, a rischio di emarginazione sociale, ed il progetto Scambi di cura, che come ho già illustrato durante la serata di presentazione è il mio preferito. Si tratta di una proposta che mira a coinvolgere in particolare anziani e persone sole, per andare oltre gli steccati della solitudine».

Il programma degli appuntamenti

Il programma degli appuntamenti


Il quadro è poi stato completato con il suo elemento più discusso, che è lo sportello stranieri, al via presumibilmente soltanto in autunno: «C’è chi lo ha definito sportello immigrazione e chi ha detto che si tratta di un’introduzione alla realizzazione di una moschea. Niente di tutto questo, ovviamente. Il progetto prevede cinque ore di apertura a settimana sul totale di cinquanta e sarà rivolto alle badanti o alle famiglie che devono affrontare il percorso burocratico per regolarizzare la posizione di queste figure professionali, ormai indispensabili e molto presenti nella società. Sarà un supporto allo sportello multietnico che già lavora a Seveso, ma certamente non un ufficio decentrato della Questura per permessi di soggiorno o altro».

«Siamo di fronte a progetti innovativi, già premiati dal successo in una realtà come quella di Milano. Sono convinta - ha concluso l’assessore - che, anche qui a Seregno, possa verificarsi lo stesso».


© RIPRODUZIONE RISERVATA