Scavi e rattoppi per la fibra ottica a Monza: ecco la città Frankenstein
Monza Lavori banda larga via Villoresi (Foto by Fabrizio Radaelli)

Scavi e rattoppi per la fibra ottica a Monza: ecco la città Frankenstein

La fibra ottica è fondamentale per lo sviluppo ma da ogni angolo di Monza si moltiplicano segnalazioni e proteste per le cicatrici lasciate dagli scavi. La risposta dell’assessore.

Il volto di Monza è ricoperto da cicatrici. Un reticolo che continuerà a espandersi per tutto il 2018 e fino ai primi mesi del 2019, causando parecchi disagi a chi - con qualsiasi mezzo - percorre le sue strade.

Una trama che sta cambiando la fisionomia della città: a volte la colora con il rosso dell’ossido di ferro, altre la dissesta con buche anche nei pochi tratti in cui buche, stranamente, ancora non c’erano. “Colpevoli” degli sfregi i lavori per il posizionamento della fibra ottica. A questi interventi vanno aggiunti anche quelli realizzati da Acsm-Agam per il teleriscaldamento e quelli a cura di BrianzAcque per il potenziamento del sistema fognario.

GUARDA le foto di tutta la città

Non c’è quartiere della città che si salvi. Ci sono rattoppi larghi e rattoppi stretti, rattoppi in rilievo e rattoppi infossati. Si individuano senza alcuna difficoltà su un solo lato della strada, o su entrambi. In alcuni casi sono stati realizzati due piccoli scavi, paralleli: giusto per movimentare ancora di più le pedalate dei ciclisti.

Monza Lavori banda larga via Borghetto

Monza Lavori banda larga via Borghetto
(Foto by Fabrizio Radaelli)

«Gli scavi per la fibra, realizzati da due grandi player nazionali del calibro di Enel e Telecom - ha spiegato il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Simone Villa - rappresentano di sicuro una grande opportunità per la nostra città. Siamo consapevoli della loro invasività: nel corso del 2017 si sono contati centinaia di interventi. Nel corso di alcuni mesi sono stati attivi anche 60 cantieri contemporaneamente». Due i problemi che l’amministrazione sta fronteggiando: l’altissimo numero di cantieri in attività e la qualità dei rappezzi, non sempre ottimale.

«Stiamo lavorando per ridurre l’impatto e il disagio delle operazioni - ha precisato ancora Villa - e stiamo progettando il ripristino definitivo del manto stradale: se, negli snodi e lungo le arterie più delicate della città alcune riasfaltature sono previste già dalla prossima primavera, negli altri casi è probabile che si aspetti la fine della campagna di interventi, prevista per i primi mesi del 2019».


© RIPRODUZIONE RISERVATA