Rubano vestiti griffati ma si schiantano alla barriera di Agrate: la Polstrada recupera la refurtiva
Gli agenti con alcuni articoli della refurtiva recuperata (Foto by Valeria Pinoia)

Rubano vestiti griffati ma si schiantano alla barriera di Agrate: la Polstrada recupera la refurtiva

Gli agenti della Polizia stradale di Arcore hanno recuperato un carico rubato che potrebbe valere decine di migliaia di euro. L’esatto importo è ancora da stabilire, ma gli scatoloni custoditi nei magazzini del comando di via Monte Bianco sono pieni zeppi di articoli griffati.

Gli agenti della Polizia stradale di Arcore hanno recuperato un carico rubato che potrebbe valere decine di migliaia di euro. L’esatto importo è ancora da stabilire, ma gli scatoloni custoditi nei magazzini del comando di via Monte Bianco sono pieni zeppi di articoli griffati.

Si tratta per lo più di capi d’abbigliamento della Tod’s diretti a un outlet della zona di Fermo sottratti da una banda di professionisti, nella notte tra martedì e mercoledì. nell’area di servizio Brembo dell’autostrada A4. dal camion che li trasportava, proveniente dalla Germania.

Parte della merce recuperata

Parte della merce recuperata
(Foto by Valeria Pinoia)

I malviventi hanno tagliato il telone del mezzo e fatto sparire gli scatoloni. Ma hanno commesso un errore: con un vecchio furgone rubato nel Bresciano sul quale avevano caricato la refurtiva, attorno alle 5, giunti alla barriera di Agrate-Carugate si sono infatti schiantati contro un altro veicolo al quale si erano accodati nella corsia del Telepass per oltrepassare il casello. A quel punto hanno abbandonato il mezzo con la refurtiva e sono fuggiti a bordo di una vettura guidata da un complice che li seguiva a poca distanza.

Gli uomini del comandante Roberto Landonio stanno cercando di risalire all’identità dei fuggitivi anche con l’ausilio delle telecamere e dei pochi testimoni presenti a quell’ora in autostrada. Difficile ricostruire il tragitto che la partita di abiti e cosmetici avrebbe dovuto percorrere, nelle mani della banda. È probabile però che fosse diretta verso l’Europa dell’Est.


© RIPRODUZIONE RISERVATA