«Palazzo del mobile di Lissone, nessuno stravolgimento: Faglia ha usato toni forti»
Il Palazzo del Mobile di Lissone (Foto by Elisabetta Pioltelli)

«Palazzo del mobile di Lissone, nessuno stravolgimento: Faglia ha usato toni forti»

La replica dell’assessore comunale Antonio Erba alle critiche dell’ex sindaco di Monza a proposito della realizzazione di un nuovo parcheggio al servizio dell’immobile che sarà convertito in struttura commerciale legata allo sport

«Prendo atto dell’opinione dell’architetto Michele Faglia, ma l’edificio non è stato stravolto, è tutelato, ci sono stati una cura ed un’attenzione particolari, siamo arrivati ad un grande risultato che è un successo per la città di Lissone». L’assessore all’urbanistica di Lissone, Antonio Erba, replica così alle dichiarazioni rilasciate dall’architetto Faglia sul palazzo del mobile che, come noto, avrà nel futuro un’impronta commerciale legata allo sport e alla ristorazione. Faglia, figlio del progettista della struttura sorta alla fine degli anni ’50, ha contestato apertamente le scelte progettuali individuate e parlato di «un parcheggio pluripiano attorno all’edificio che lo deturpa».

LEGGI: L’ex palazzo del mobile diventa palazzo dello sport
LEGGI: «Quel parcheggio deturpa l’edificio progettato da papà»

Lissone assessore urbanistica Antonio Erba

Lissone assessore urbanistica Antonio Erba

«Le parole dell’architetto Michele Faglia sono affettivamente comprensibili, ma non posso negare di essere dispiaciuto perché credo che non siano stati valutati adeguatamente con equilibrio gli sforzi compiuti per preservare un’opera, cui siamo legati anche noi, trovando soluzioni che non impedissero la rinascita dell’immobile».

«Sono stati utilizzati toni forti - aggiunge l’assessore - ben tre operatori si sono informati nel corso degli ultimi anni prospettando l’acquisizione dell’immobile ed avanzando, agli uffici comunali, il problema di reperire parcheggi a servizio. Tutti gli operatori hanno prospettato, a seguito di una precisa analisi tecnica, un’unica soluzione che è quella che verrà realizzata: individuare una piastra di parcheggi, non parliamo quindi di parcheggio multipiano, ad integrazione della superficie di sosta prevista al piano terra».

«Produrre uno scavo sotto l’edificio? Avrebbe richiesto opere di consolidamento e costi notevoli e gli operatori non avrebbero in quel caso- e ne ho le prove- acquistato l’immobile». Erba rimarca a più riprese il lavoro serio e competente dei professionisti incaricati. «L’obiettivo perseguito sin dall’inizio è stato quello di preservare il valore storico ed architettonico dell’immobile- e conclude- la soluzione progettuale individuata è l’unica, realistica, che consentirà il recupero di palazzo del mobile ed evita l’ammaloramento dell’edificio. Nulla va a deturpare l’immobile. L’edificio non è tutelato dalle Belle Arti, ma il progetto è stato comunque sottoposto alla Soprintendenza ed ha registrato più volte il passaggio in Commissione Paesaggio».

Lissone ex Palazzo del Mobile 100 firme

Lissone ex Palazzo del Mobile 100 firme
(Foto by Elisabetta Pioltelli)


© RIPRODUZIONE RISERVATA