Desio, famiglia in ospedale intossicata dal tallio. In coma donna di 62 anni
L’ospedale di Desio

Desio, famiglia in ospedale intossicata dal tallio. In coma donna di 62 anni

Una donna di 62 anni Nova Milanese e la sorella sono ricoverate all’ospedale di Desio per un avvelenamento dovuto al tallio, una sostanza contenuta anche nei topicidi. La prima è in Rianimazione. Ricoverati anche i genitori

Quattro persone della stessa famiglia intossicate dal tallio. La più grave è una donna di 62 anni di Nova Milanese in coma all’ospedale di Desio. Con lei è ricoverata la sorella e anche i genitori, anche se in condizioni meno gravi.

La donna più grave, D.Z.P., 62 anni, si era presentata al pronto soccorso il 25 settembre, lunedì scorso, con una sindrome gastroenterica che durava da una settimana. Allora era stata curata e rimandata a casa .

Tre giorni dopo la signora si è ripresentata al Pronto soccorso con sintomi peggiorati rispetto alla visita precedente. Mentre era in ospedale ha avuto un arresto cardiaco , è stata subito sottoposta a una rianimazione cardiopolmonare e, quindi, ricoverata in coma nel reparto di Rianimazione.

L’ospedale ha diagnosticato, grazie anche all’aiuto del Cav di Pavia, una intossicazione acuta da tallio, sostanza che si trova nei topicidi, ma non solo lì.

Anche la sorella. D.Z.L., ha accusato sintomi simili anche se non della stessa gravità. Anche lei si era presentata al nosocomio il 25 settembre per una gastroenterite. Dopo le cure era tornata a casa. In seguito al secondo ricovero della sorella (D.Z.P.) è stata richiamata dai sanitari e invitata a recarsi al Pronto soccorso per nuovi accertamenti. Anche per lei sono stati riscontrati alti livelli di tallio. La donna, però, meno grave, è ricoverata in Neurologia. Secondo i medici ora è clinicamente stabile.

Non solo le sorelle sono state intossicate, ma anche i genitori, anch’essi invitati a raggiungere l’ospedale e ricoverati in Medicina: anche per loro condizioni stabili.

L’ospedale ha segnalato la situazione all’autorità giudiziaria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA