Motore diesel-elettrico: test per il “Colleoni”, il nuovo treno ibrido in arrivo in Lombardia con Trenord
Il nuovo “Colleoni”

Motore diesel-elettrico: test per il “Colleoni”, il nuovo treno ibrido in arrivo in Lombardia con Trenord

“Visita tecnica” al nuovo treno diesel-elettrico “Colleoni” per il servizio ferroviario regionale della Lombardia.

Arriveranno nei primi mesi del 2022 i primi esemplari dei trenta “Colleoni”, i nuovi treni diesel-elettrici prodotti dalla Stadler e destinati a sostituire i convogli più vecchi sulle linee non elettrificate della Lombardia. Nella mattinata di martedì 13 aprile l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Claudia Maria Terzi ha effettuato, presso il circuito di prova di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) di San Donato a Bologna una ’visita tecnica’ al nuovo treno. Insieme all’assessore Terzi hanno partecipato alla visita, tra gli altri, il presidente di Fnm Andrea Gibelli, il presidente di Ferrovienord Paolo Nozza e l’amministratore delegato di Trenord e direttore generale di Fnm Marco Piuri.

Da sinistar: Gibelli, Trezzi, Nozza e Piuri davanti al nuovo “Colleoni”

Da sinistar: Gibelli, Trezzi, Nozza e Piuri davanti al nuovo “Colleoni”

Il treno che sta effettuando le prove in questi giorni fa parte del programma di rinnovamento della flotta approvato e finanziato da Regione Lombardia con 1,958 miliardi. Il programma prevede complessivamente l’acquisto di 222 nuovi treni: 131 ’Caravaggio’ ad alta capacità, 61 ’Donizetti’ monopiano a media capacità e appunto 30 ’Colleoni’ con motori diesel-elettrici. «Quella odierna - commenta l’assessore Terzi - è stata una giornata significativa dal punto di vista simbolico: abbiamo visto in azione il primo dei nuovi treni ibridi diesel-elettrici che percorreranno le linee non elettrificate. Si tratta di mezzi molto moderni, confortevoli, curati nei dettagli e con un’attenzione per le persone a mobilità ridotta e per la sostenibilità ambientale».

Una carrozza del nuovo “Colleoni”

Una carrozza del nuovo “Colleoni”

Il treno è alimentato da un powerpack nel quale sono alloggiati due motori diesel a basse emissioni di ultima generazione e quattro batterie (LEGGI QUI l’altro progetto green del trasporto su ferro, quello dei treni a idrogeno). Grazie alle batterie e alla trazione diesel-elettrica, il nuovo treno può entrare nelle stazioni delle aree suburbane con emissioni ridotte. In questo modo, oltre alle emissioni, nelle stazioni può essere ridotto anche il rumore. Rispetto alla flotta attuale, il consumo di carburante si riduce del 30%, il che corrisponde a un risparmio stimato di 3 milioni di euro all’anno. Anche le emissioni di Co2 diminuiranno di 12.400 tonnellate all’anno, pari alle emissioni di 8.600 automobili. Inoltre, la posizione dei motori al centro del treno garantisce un elevato comfort per i passeggeri, in quanto il rumore e le vibrazioni non vengono trasmessi alle carrozze.

L’interno del nuovo treno ibrido

L’interno del nuovo treno ibrido

«Prosegue senza sosta - aggiungono il presidente di Fnm Andrea Gibelli e il presidente di Ferrovienord Paolo Nozza - l’azione di rinnovamento della flotta dei treni affidati a Trenord. Grazie ai finanziamenti e alle indicazioni di Regione Lombardia, continua l’impegno a garantire un servizio sempre migliore. Le caratteristiche innovative di questi convogli diesel-elettrici assicureranno standard qualitativi e performance tra i migliori in Europa».

Gli alloggiamenti per le biciclette

Gli alloggiamenti per le biciclette

I treni a tre carrozze sono lunghi 66,8 metri e hanno 168 posti a sedere. La velocità massima è pari a 140 chilometri all’ora. Oltre a toilette, illuminazione a led e wi-fi, i veicoli sono dotati di prese da 220 volt, porte usb e sistema di informazioni per i passeggeri. Un sistema di spie luminose segnala ai passeggeri l’apertura e la chiusura delle porte. L’accessibilità per le persone a mobilità ridotta è facilitata da gradini scorrevoli che compensano la distanza tra le porte e la piattaforma. I treni sono inoltre dotati di aree per il deposito di biciclette e bagagli.

La cabina di guida

La cabina di guida


© RIPRODUZIONE RISERVATA