Monza: storia di Rudolph, il coniglio abbandonato in una scatola a Natale
Rudolph il coniglio

Monza: storia di Rudolph, il coniglio abbandonato in una scatola a Natale

Ennesimo abbandono di conigli a Monza e dintorni: questa volta è il turno di Rudolph, portato all’Enpa la mattina di Natale. Ma c’è anche chi pensa agli ospiti del rifugio: come quattro bambini che hanno pensato ai gatti.

“C’è un coniglio, chi vuole può prenderlo” c’era scritto su una scatola trovata alla vigilia di Natale in un condominio di Monza: insomma un regalo a sorpresa, a essere romantici, un abbandono di animali, a essere precisi. La scatola è stata trovata all’ingresso dei box di un palazzo di via Volturno, nella strada del comando dei carabinieri. Chi l’ha trovata ha chiamato una veterinaria che, a sua volta, ha contattato l’Epna di via San Damiano il giorno di Natale, dove è stato battezzato Rudolph, come una delle renne di Babbo Natale.

La scatola di Rudolph

La scatola di Rudolph

Insomma: per il piccolo animale una fine fortunata, ma il problema è un altro, dice l’Enpa: “Speriamo che non diventi una moda, ma Rudolph non è purtroppo l’unico coniglio trovato in uno scatolone in questo periodo (e parliamo solo dei casi più recenti). A condividere la stessa modalità di abbandono, infatti, sono stati Batman, Robin, Joker, Ivy e Harley, cinque cuccioli di coniglio nano testa di leone, nati ad agosto, rinvenuti lo scorso 20 settembre, che come tutti gli altri conigli ospiti del rifugio sono in adozione”.

Cinque, perché uno non ce l’ha fatta, annota l’Ente, mentre è andata meglio ai fratellini Pcio ed Ezio, due cuccioli nani testa di leone a loro volta scoperti non troppo tempo fa in abbandono. Per informazioni su tutti conigli, che sono adottabili, è possibile scrivere alla mail [email protected], ma in via San Damiano arrivano anche le belle notizie, spesso.  Come i quattro bambini che sempre per Natale hanno voluto portare un regalo ai gatti ospiti dell’Enpa. Sono Gaia, Luca, Enea e Ambra, che hanno fatto trovare al rifugio un pacco di cibo con la scritta “Sperando di poter dare un pasto ai gattini meno fortunati”.

Il pacco di cibo per i gatti

Il pacco di cibo per i gatti

“Chissà, magari questi bimbi hanno già in casa un micio a cui voler bene ma hanno voluto pensare anche a chi una casa non ce l’ha. Per questo gesto Enpa di Monza e Brianza li ringrazia di cuore, come ringrazia chi in questo periodo di feste ha avuto un pensiero per i tanti animali che sono ancora in attesa di trovare una famiglia”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA