Monza: parte il megaprogetto da 40mila metri quadri nel quartiere Libertà
Il progetto di via Gallarana a Monza

Monza: parte il megaprogetto da 40mila metri quadri nel quartiere Libertà

Un progetto da 40mila metri quadri nel quartiere Libertà a Monza: ecco che cosa sta per succedere in via Gallarana.

Due lotti a destinazione residenziale abbracceranno un parco urbano di 14mila metri quadri: a Libertà sta per nascere un isolato tutto nuovo, con tanto di piste ciclabili, percorsi pedonali e spazi riservati a servizi e attività commerciali.

Per ora ci sono solo delle gru, smontate e appoggiate sul terreno, ma quello che sta per prendere il via, tra le vie Bosisio, Gallarana e Aguggiari, è un piano di lottizzazione che prevede interventi su un’area, di proprietà privata, che si estende per poco più di 40mila metri quadri: i lavori modificheranno l’accesso al “quadrante est della città - si legge nella relazione tecnico-illustrativa - al di là della cintura ferroviaria orientale”.

Carte alla mano, il piano prevede la realizzazione del lotto A “localizzato su via Aguggiari”, impostato “su un sistema a L a corte aperta” su una superficie di 3.900 metri quadri: programmata la costruzione di edifici di varia altezza, fino a un massimo di cinque piani. Il lotto B, invece, si estenderà su una superficie pari a circa 9.500 metri quadri e affaccerà sul parco e sulle vie Bosisio e Gallarana, spuntando dal terreno per un massimo di sette piani. L’80% dei nuovi spazi avrà destinazione residenziale, per il restante 20% è previsto un utilizzo negli ambiti commerciale, direzionale e terziario. I due lotti saranno accomunati da “un’elevata qualità ambientale e abitativa garantita e sottolineata dai margini dei viali alberati a contorno dell’isolato”, si legge ancora nel piano di lottizzazione approvato a gennaio 2012 (giunta Mariani), le cui variazioni alle opere di urbanizzazione sono state autorizzate da una delibera della giunta Scanagatti nel maggio 2017.

Articolato il sistema di opere pubbliche previsto dalla convenzione, che spazia dal nuovo parco urbano alla realizzazione di una rotonda tra via Bosisio e via Prampolini.

Qualche dettaglio in più. Il parco urbano, definito un “intervento chiave dell’intero ambito, per dimensione e qualità” intende “valorizzare l’intero quartiere”: al suo interno sono previsti percorsi ciclabili, piste pedonali, aree dove svolgere attività libere all’aria aperta e aree di interesse naturalistico, a cui si aggiungerà un punto dedicato al ristoro e uno spazio coperto per attività ricreative a servizio del quartiere. Prevista anche la realizzazione di due aree verdi distinte e recintate, lungo via Gallarana e tra quest’ultima e via della Guerrina, per un totale di quasi cinquemila metri quadri. Tra le altre opere previste la realizzazione “di un nuovo tronco stradale a collegamento delle vie Bosisio e Gallarana”, la riqualificazione di via Aguggiari e di via Gallarana e la realizzazione di parcheggi, per un totale di circa 4mila metri quadri suddivisi in quattro diverse aree.

«Quasi 25 mila metri quadri saranno ceduti al comune e destinati a servizi. Con i 14mila metri quadri previsti per il parco urbano, questo intervento ha il merito di destinare alla città una quota importante di verde pubblico - ha commentato l’assessore allo Sviluppo del territorio Martina Sassoli - Riqualificherà l’intero comparto che gravita attorno al Policlinico con un’area verde così ampia da interessare tutta la città, non solo il quartiere».


© RIPRODUZIONE RISERVATA