Monza, Maria Grazia Cucinotta in visita a SLAncio: «La mia amicizia con Luigi»
Maria Grazia Cucinotta con Luigi Picheca e con gli operatori della struttura SLAncio-RSD San Pietro

Monza, Maria Grazia Cucinotta in visita a SLAncio: «La mia amicizia con Luigi»

Maria Grazia Cucinotta in visita a SLAncio-Rsd San Pietro la struttura della Cooperativa La Meridiana che accoglie 60 persone con SLA e in stato vegetativo.

«Sono sei anni che conosco Luigi – spiega con entusiasmo e con bel un sorriso mediterraneo, Maria Grazia Cucinotta -. Abbiamo una bella amicizia. Un’amicizia coltivata attraverso scambi di e-mail. Quello che mi colpisce di Luigi è la sua voglia di vivere. Luigi mi trasmette un amore per la vita che mi accompagna soprattutto nei momenti più difficili. Le sue parole mi aiutano a tener i piedi per terra, a passare oltre, a superare tante situazioni e tanti piccoli problemi. Sono contenta di incontrare il mio amico Luigi e di stringere la mano agli amici di Meridiana che hanno dato vita a questa magnifica struttura, piena di umanità, amore e attenzione». Così l’attrice Maria Grazia Cucinotta ha commentato la sua visita, avvenuta nella giornata di sabato 11 gennaio, agli ospiti di Slancio/Rsd San Pietro, la struttura della Cooperativa La Meridiana che accoglie 60 persone con Sla e in stato vegetativo.

La Cucinotta con Picheda

La Cucinotta con Picheda


Luigi Picheca ha 65 anni, moglie e due figli, Valerio e Federica. Nel 2007 gli è stata diagnostica la Sla. «È stato un momento durissimo – racconta il figlio Valerio. Ho visto mio padre peggiorare giorno dopo giorno e trasformarsi in un corpo immobile in vita grazie al respiratore. Nello stesso tempo, però, ho apprezzato anche il suo modo di reagire. La sua malattia, paradossalmente, ci ha aiutato ad essere una famiglia più unita».

Valerio, figlio di Picheca, aiuta la Cucinotta ad usare la lavagna che segue i movimenti oculari di Luigi

Valerio, figlio di Picheca, aiuta la Cucinotta ad usare la lavagna che segue i movimenti oculari di Luigi


La sua ricerca sul senso della vita non si arresta, nonostante la terribile malattia. Ma perché Luigi, malgrado la Sla, si sente fortunato? «Non è facile rialzarsi – spiega Luigi– dopo eventi così traumatizzanti che cambiano drasticamente la propria esistenza. Servono tempo e tanta serenità. Ho avuta la fortuna di nascere per la seconda volta. La Sla mi ha permesso di conoscere quello che non conoscevo di me stesso, la parte di me rimasta per anni nascosta, sopita. Mi mancava cioè, di conoscere in modo più profondo cosa sia la sofferenza, di addentrarmi in questa battaglia e di vincere la sofferenza. La sofferenza è una battaglia da vincere per vivere felici: la vinci accettandola. Vinci la sofferenza se accetti le situazioni difficili in cui ti puoi trovare. La mia vita è cambiata così come sono cambiato io. Non mi vedo come un poveraccio da compiangere, ma come una persona che sta vivendo una nuova esperienza di vita, con la consapevolezza di dover lottare contro una malattia feroce come la Sla».

E la visita di Maria Grazia Cucinotta? «È stata una bella sorpresa che mi ha reso felice. Una visita molto gradita. Maria Grazia è una persona splendida, semplice e sensibile. Allegra e solare.. Con lei abbiamo girato l’sms solidale in favore di SLAncio. La cosa bella è che, malgrado sia trascorso del tempo, siamo rimasti in contatto. Per me lei è come una sorella.››

Rita Liprino, Valerio e Luigi Picheca con Maria Grazia Cucinotta

Rita Liprino, Valerio e Luigi Picheca con Maria Grazia Cucinotta


© RIPRODUZIONE RISERVATA