Monza, il “selfie di quartiere” avanza e incontra i Beatles non vedenti
Monza, selfie di quartiere a San Biagio-Cazzaniga dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti MB: la fotoè Tonale Road (Foto by Federica Fenaroli)

Monza, il “selfie di quartiere” avanza e incontra i Beatles non vedenti

Si intitola Tonale Road e si ispira alla celeberrima copertina dei Beatles (di cui si festeggia il 50° anniversario di Sgt Pepper). È il selfie di quartiere per il progetto di San Biagio-Cazzaniga dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti MB.

Via Tonale a Monza come Abbey Road e quattro “Beatles” sulle strisce pedonali. Si intitola “Tonale Road” lo scatto che Luca Aronica, presidente dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti MB, ha inviato alla consulta di quartiere San Biagio - Cazzaniga: anche questa fotografia, insieme alle altre partecipanti al progetto “Selfie di Quartiere”, sarà esposta a giugno negli spazi del centro civico di via Bellini.

“Chi è qui” il nome del progetto, sostenuto dal centro civico San Biagio-Cazzaniga e ideato dall’associazione culturale Puppenfesten, che è risultato tra i vincitori del bando 2016.9 promosso dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza onlus per “facilitare la coesione sociale e valorizzare i beni di interesse artistico e storico”

«Vogliamo raccontare con le immagini questa bella zona della città. Non solo i suoi luoghi, ma le persone, le storie, gli appuntamenti, sua la vita quotidiana. E vorremmo che fosse un racconto di tutti, scritto a più mani, che passa dagli occhi delle persone che il quartiere lo abitano, lo frequentano, lo vivono», era stato scritto sui canali social, invitando il maggior numero di persone a partecipare.

Alcuni scatti hanno immortalato la sede Aias Città di Monza, l’Associazione nazionale di assistenza agli spastici onlus di via Lissoni e i volontari Auser Filo d’Argento di Monza, impegnati dal 1992 in attività di sostegno agli anziani e ai più fragili. E ancora: hanno già posato per il “Selfie di quartiere” anche i volontari di Brianza per il Cuore onlus, che hanno anche raccontato delle attività a cui stanno lavorando. Il prossimo step è la mostra al centro civico.


© RIPRODUZIONE RISERVATA