Monza, il ministro Franceschini in Villa reale: tanti consigli, cautela sull’ala Nord
Monza, il ministro Franceschini in Villa Reale (Foto by Fabrizio Radaelli)

Monza, il ministro Franceschini in Villa reale: tanti consigli, cautela sull’ala Nord

FOTO - Mezz’ora di anticipo sulla tabella di marcia e una visita di oltre un’ora per ammirare la Villa Reale. Il ministro ai beni e alle attività culturali Dario Franceschini è arrivato a Monza martedì pomeriggio. E ha dispensato consigli.

Mezz’ora di anticipo sulla tabella di marcia e una visita di oltre un’ora per ammirare la Villa Reale: dagli appartamenti di Umberto e Margherita alle sale del corpo centrale, dal Belvedere al roseto, dal Serrone al Teatrino di Corte.

Passo svelto, il ministro ai beni e alle attività culturali Dario Franceschini è arrivato a Monza martedì pomeriggio, accompagnato nella visita dal sindaco e presidente del Consorzio Roberto Scanagatti, dal direttore Lorenzo Lamperti, dal deputato vimercatese Roberto Rampi.

GUARDA Le foto della visita del ministro

Lungo il tragitto ha incontrato anche Carlo Edoardo Valli, presidente di camera di Commercio e il direttore Renato Mattioni, quindi la direttrice di Triennale Silvana Annichiarico e Attilio Navarra, il presidente di Italiana Costruzioni che ha effettuato i lavori e gestisce il corpo centrale della villa per i prossimi vent’anni.

Per il ministro c’è anche il tempo di qualche scatto privato: ad attirare la sua attenzione le sale della Triennale, il bollitore di Alessi del 1983 e la “lettera 22” di Olivetti.

Poi, affacciato alla finestre del Belvedere, dove lo sguardo si perde fino al rondò, la domanda: “ma qui come ci si arriva?”. E allora tutti a spiegare che c’è il progetto della metropolitana, che il sistema di parcheggi è efficiente e la stazione non è lontana.

I trasporti sono in cima alle raccomandazioni del Ministro che suggerisce anche un nome unico (“Reggia o Villa Reale?”- chiede davanti ai volumi esposti al Bookshop), poi si informa sui giardini e su un possibile biglietto a pagamento “pensando ad una gratuità per i residenti”.

Pausa caffè a porte chiuse in cui si parla velocemente di tutto: i fondi del teatrino, il futuro dell’ala nord, Villa Mirabello e Mirabellino.

Poi i commenti finali: “È stato fatto un lavoro importante di recupero della reggia con una forma di gestione consortile che vogliamo sia una modalità utilizzata anche altrove – spiega Franceschini - perché consente la convivenza di pubblico e privato”.

Sull’ala Nord è cauto: “Prima decidiamo la destinazione, poi partiamo con il restauro mettendo insieme le risorse dei consorziati e facendo appello ai privati. Oggi con l’Art Bonus non ci sono più alibi, ci sono le detrazioni più alte in Europa e ogni azienda può legare il proprio nome ad un patrimonio artistico così importante”.

Sulla destinazione futura dell’Ala Nord prevale l’ipotesi già tracciata dal progetto Carbonara: “una scuola di alta formazione nell’ambito delle nuove tecnologie per i beni culturali, museo di se stessa e foresteria istituzionale”.

Davanti ai decori del teatrino che si sbriciolano il Ministro telefona al direttore generale del Ministero: e arriva la conferma che sono sbloccati i fondi da 1,5 milioni di euro per far partire nel 2016 i lavori di restauro.

Prima di ripartire Franceschini raccoglie l’invito del sindaco: “La prossima volta l’aspettiamo per mostrarle anche il centro di Monza che merita una visita”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA