Monza, il bilancio dei pattuglioni serali straordinari della polizia locale: 53 uomini impegnati per due mesi
Un pattuglione della polizia locale di Monza

Monza, il bilancio dei pattuglioni serali straordinari della polizia locale: 53 uomini impegnati per due mesi

Numeri lusinghieri per il servizio che ha visto impegnati gli uomini del Comando di via Marsala dalle 19 all’1 di notte in tutti i week-end dal mese di giugno. Usati complessivamente 35 veicoli di servizio comprese alcune auto «civetta».

Pattuglioni serali a Monza, tempo di bilanci. E il voto è positivo. L’impegno è stato notevole: da giugno non è mancato un week-end, in particolare nelle ore serali e notturne, senza i controlli straordinari della Polizia locale nelle zone più sensibili della città,in particolare quelle della movida, i giardini pubblici e i quartieri cittadini.

I controlli si sono protratti dalle 19 all’1 di notte con 53 agenti impegnati, coordinati da 11 ufficiali, e sono stati usati complessivamente 35 veicoli di servizio comprese alcune auto «civetta», senza insegne. In tutto hanno percorso più di 500 chilometri in lungo e in largo per la città. Nei luoghi della movida, la stazione, le strade e le piazze dei quartieri e oltre 35 giardini pubblici.

«L’obiettivo dei servizi effettuati negli orari serali e notturni – spiega l’assessore alla Sicurezza Federico Arena – era il contrasto ai fenomeni di degrado urbano e, in particolare, alla prostituzione, alla vendita di alcolici a minori, al consumo di bevande alcoliche o sostanze stupefacenti in strada, ai bivacchi, ma anche alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe. I numeri confermano l’importanza del lavoro svolto: sono stati circa un centinaio i verbali emessi dagli agenti per violazioni di vario tipo relative a comportamenti incivili, contrari al decoro e in tema di sicurezza urbana».

Un servizio straordinario: «traduzione concreta di un punto del nostro programma di mandato» aggiunge Arena - «dimostrazione dell’impegno della Giunta sul tema della sicurezza e del decoro urbano. Importante in questo senso la sinergia con tutte le istituzioni coinvolte, dalla Prefettura alle altre forze dell’ordine».

Nell’ultimo fine settimana sono stati effettuati numerosi controlli mirati al contrasto dei fenomeni di degrado urbano. Un automobilista è stato denunciato e gli è stata ritirata la patente perché guidava sotto l’effetto di sostanze alcoliche, ben oltre i limiti consentiti, mentre altri sono stati sanzionati perché a bordo delle loro auto stavano contrattando prestazioni sessuali con delle prostitute. A proposito di quest’ultimo fenomeno: «I numerosi controlli effettuati e le sanzioni emesse in tema di contrasto alla prostituzione, con l’ausilio di agenti in borghese, - conclude l’assessore - ci hanno permesso di osservare una notevole riduzione del fenomeno in alcune zone residenziali storicamente afflitte da questo problema».


© RIPRODUZIONE RISERVATA