Monza: Gilles, il mito che non muore, nelle parole di Colombo e Terruzzi
Gilles Villenueve

Monza: Gilles, il mito che non muore, nelle parole di Colombo e Terruzzi

Nell’ambito di #MonzaFuoriGp, Banco BPM invita a visitare la mostra “Gilles Villeneuve. Il mito che non muore”, allestita all’Arengario di Monza, in piazza Roma, e dedicata all’indimenticato Gilles Villenueve. Venerdì 30 alle 18, sempre in Arengario, ne parleranno Ercole Colombo e Giorgio Terruzzi, il primo fotografo, il secondo giornalista, protagonisti della rassegna.

Nell’ambito di #MonzaFuoriGp, Banco BPM invita a visitare la mostra “Gilles Villeneuve. Il mito che non muore”, allestita all’Arengario di Monza, in piazza Roma, e dedicata all’indimenticato Gilles Villenueve, pilota che è stato un «caso strano», «un unicum nel mondo della Formula 1 perché, nonostante non abbia vinto moltissimo, ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi e nella storia del Gran Premio».

Sono le parole di Ercole Colombo e Giorgio Terruzzi, il primo fotografo, il secondo giornalista, protagonisti della mostra che interverranno venerdì 31 agosto alle 18, in Arengario, per un evento collaterale alla mostra, aperta al pubblico fino al 23 settembre - visitabile dal 30 agosto al primo settembre, nei giorni di #MonzaFuoriGP, con orario continuato dalle 10 alle 23, ingresso libero. Raccoglie oltre 150 scatti di Colombo accompagnati dai testi di Terruzzi. «Villeneuve sapeva andare sempre oltre il limite - ha ricordato Colombo - Era il re dei sorpassi, il suo stile era spettacolare, azzardato».

Banco BPM invita i propri clienti a incontrare Giorgio Terruzzi durante la presentazione cui parteciperanno anche dirigenti della banca e il responsabile della divisione territoriale per Milano e Monza. In piazza Roma potrà inoltre essere ammirata un’auto storica del 1991, unico esemplare di Alfa Romeo a 8 cilindri che ha corso nella formula Indy.

L’evento si colloca nell’ambito delle numerose attività che Banco BPM metterà in atto nelle città e paesi in cui è presente, con l’obiettivo di portare le comunità locali all’interno degli spazi della propria banca, nelle filiali stesse o, come in questo caso, negli spazi esterni attigui.

La terza banca italiana vuole infatti essere al centro della vita dei propri territori di riferimento e avvierà, nel corso del 2018 e 2019, una serie di eventi nelle proprie filiali ospitando incontri con importanti relatori del mondo della cultura o dello sport ma anche incontri legati all’economia e al mondo del lavoro; nel corso dell’anno verranno avviati nelle filiali anche dibattiti dedicati al tema del risparmio e dell’educazione finanziaria, coinvolgendo esperti e mettendo a disposizione dei clienti le expertise dei colleghi attivi sul territorio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA