Monza, cambia il progetto per l’ex Feltrificio Scotti: ecco le immagini
I rapporti tra le altezze lungo vialone Battisti e non solo nel progetto per l’ex Feltrificio Scotti

Monza, cambia il progetto per l’ex Feltrificio Scotti: ecco le immagini

Giù due piani per i palazzi a fianco di vialone Battisti di Monza, la strada che porta alla Villa reale: il progetto per l’area dell’ex Feltrificio Scotti si abbassa dopo le proteste.

Ex Feltrificio Scotti di vialone Battisti, è arrivata a palazzo la proposta di modifica al piano per la riqualificazione dell’area: che amministrazione, Soprintendenza e operatore stessero lavorando a un progetto che avesse una differente distribuzione dei volumi - soprattutto delle altezze - l’assessore allo Sviluppo del territorio Martina Sassoli l’aveva anticipato già nelle scorse settimane.

Qualche confronto con e senza palazzi

Qualche confronto con e senza palazzi

Ora arrivano i dettagli: carte alla mano, i più alti dei nuovi edifici - che nel progetto prendono il nome di “C” e “D” - supereranno di 35 centimetri i 26 metri, per un totale di 8 piani. Per l’edificio “E”, di 7 piani, è prevista un’altezza massima di 23 metri e 10 centimetri. “Si è scelto di avere delle altezze differenti in ottemperanza al limite dei 100 metri del vincolo di tutela paesaggistica - si legge nella relazione tecnica dello studio di impatto paesaggistico - I corpi di fabbrica più alti sono arretrati da viale Cesare Battisti”, sia per ottenere un “effetto di svuotamento”, sia per aumentare “lo spazio aperto per il grande giardino centrale”.

LEGGI tutti gli articoli sull’ex Feltrificio Scotti

I nuovi edifici saranno disposti secondo uno “schema tipologico a U, orientato in senso ortogonale al viale Battisti”: al centro la grande area verde, dove è prevista la piantumazione di 210 nuove alberature di grandi, medie e piccole dimensioni. Essenze autoctone, si legge, alcune delle quali si incontrano anche al parco - faggi, liquidambar e ippocastani e poi alberi dei tulipani, carpini e ciliegi. E la ciminiera, simbolo di archeologia industriale? “L’impianto architettonico di progetto consente di mantenere visibile il suo sedime, rivisitandone l’impronta a terra e riproponendola sotto forma di elemento scultoreo”, si legge. Secondo la documentazione, in una scala da 1 (molto bassa) a 5 (molto alta) “la classe di incidenza paesistica complessiva è la 3”. Ora la palla passa di nuovo all’amministrazione, che valuterà il rapporto preliminare ambientale in sede di Vas.

Come diventerà l’ex Feltrificio Scotti

Come diventerà l’ex Feltrificio Scotti


© RIPRODUZIONE RISERVATA