Meda, il libro di BertOsalotti per imparare l’impresa semplice che dà una mano al “dopo di noi”
Massimo Zanotti, Filippo Berto, Valerio Tagliacarne e Mauro Baricca cl primo assegno di 2 mila euro( foto Volonterio) (Foto by Paolo Volonterio)

Meda, il libro di BertOsalotti per imparare l’impresa semplice che dà una mano al “dopo di noi”

Serata nello showroom della BertOsalotti di Meda. Un appuntamento benefico con al centro il libro scritto a quattro mani da Filippo Berto e Mauro Baricca dal titolo “Fare impresa senza libretto di istruzioni- dialogo tra un consulente e un imprenditore”, e la consegna dei proventi del libro a una onlus pavese.

Una serata di solidarietà, che segue quella del giugno scorso a Pavia, si è svolta giovedì 2 dicembre nello showroom della BertOsalotti di Meda. A dare il benvenuto ai numerosissimi ospiti, Filippo Berto, Ceo della Berto, al suo fianco Massimo Zanotti presidente della “Odv Un nuovo dono onlus” di Pavia e Mauro Baricca. Hanno portato il loro saluto Alessia Villa, vice sindaco di Meda e l’assessore alla cultura Fabio Mariani.

Un appuntamento benefico con al centro il libro scritto a quattro mani da Filippo Berto e Mauro Baricca dal titolo “Fare impresa senza libretto di istruzioni- dialogo tra un consulente e un imprenditore”, e la consegna dei proventi del libro alla onlus pavese. «Le entrate di questo libro-ha spiegato Berto- le devolviamo all’associazione “Un nuovo dono” che da alcuni anni aiutiamo e supportiamo e che abbiamo seguito nella realizzazione del loro progetto di creare la loro casa a Pavia e garantire il “dopo di noi” a delle splendide persone. Ragazzi che tutti i giorni ci insegnano cosa vuol dire vivere con entusiasmo, energia e sorriso a dispetto dei problemi, quelli veri, e ci rendiamo conto che siamo noi a ricevere da loro molto di più di quanto diamo». Per coinvolgere i molti presenti il conduttore della serata, Valerio Tagliacarne, ha chiesto ai due autori di commentare alcune delle diciassette parole chiave inserite nel libro come: follia, paura, errori, vendere. Un libro che rientra nella visione d’impresa che si occupa di creare maggior benessere, o comunque effetti positivi dell’attività aziendale da condividere con l’esterno.

La peculiarità del libro, un’eccellente motivo di interesse per tutti coloro che desiderano apprendere da due campioni di concretezza come Barrica e Berto su “come si fa”, al di là di quello che i cosiddetti libretti di istruzione non dicono. Ma una vera e propria “ricetta sicura” non c’è. Ben vengano queste pagine intrise di pragmatismo, visione pratica, e tanta tanta esperienza sul campo. «Questo libro- ha sottolineato Berto- rientra nella visione di impresa che si occupa di creare maggior benessere, o comunque effetti positivi dell’attività aziendale da condividere con l’esterno. Non intendo entrare nei particolari del libro. Spero di poterli trasmettere direttamente, tramite la lettura, una volta acquistato, così sarà un ulteriore ottimo contributo ad un’ottima causa benefica. Oggi i fatti sono rappresentati dalle tante persone che ci stanno dimostrando di essere sensibili e attente ai messaggi di solidarietà e valore che possono provenire anche dalle aziende. C’è chi la chiama “responsabilità sociale d’impresa”, noi, invece, la chiamiamo semplicemente vivere in modo sano e costruttivo la vita della ditta». Il presidente Zanotti ha ringraziato per il sostegno concreto alla sua associazione. In chiusura gli è stato donato un altro assegno di 2 mila euro, derivanti dalla vendita del libro degli ultimi mesi a cui si sono aggiunti altri 2.700 euro raccolti nel corso della serata mentre altre donazioni sono attese nei prossimi giorni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA