Meda: arbitro di 16 anni aggredita alla fine della partita di calcio femminile
Cartellino rosso sul calcio

Meda: arbitro di 16 anni aggredita alla fine della partita di calcio femminile

Una ragazza di 16 anni, designata come arbitro del match di calcio femminile tra Real Meda e Rivanazzanese, è stata è stata aggredita verbalmente e spintonata dall’allenatore della squadra ospite. Sono intervenuti anche i carabinieri.

Sono dovuti arrivare anche i carabinieri al termine del match di calcio femminile tra Real Meda e Rivanazzanese del campionato Giovanissimi regionali, della catogoria Under 15. Una ragazza di 16 anni, designata come arbitro del match, al triplice fischio è stata aggredita verbalmente e spintonata dall’allenatore della squadra della provincia di Pavia per questioni legate al gioco, sembra in particolare per un gol convalidato alle padrone di casa sul fischio finale. Allo stesso modo uno spettatore avrebbe minacciato di raggiungerla in campo, salvo desistere quando il papà del giovane arbitro è intervenuto in sua difesa.

LEGGI Aggressione alla giovane arbitro: nove mesi di squalifica e multa per il mister del Pavese

I fatti sono stati confermati dal genitore alle forze dell’ordine della Compagnia di Seregno arrivate in posto quando ormai i protagonisti della gazzarra erano già ripartiti. La ragazza sarebbe stata strattonata e insultata. Non avrebbe riportato danni fisici.

In attesa della decisione della famiglia se procedere per vie legali, il verbale dei carabinieri sarà comunque inviato alla Procura.


© RIPRODUZIONE RISERVATA