L’ordinanza di Fontana e il nuovo Dpcm di Conte: cosa cambia davvero in Lombardia? Tutti i divieti in vigore (scuole superiori tutte chiuse)
Nnegozi chiusi in Brianza

L’ordinanza di Fontana e il nuovo Dpcm di Conte: cosa cambia davvero in Lombardia? Tutti i divieti in vigore (scuole superiori tutte chiuse)

Scuola, negozi, sport, mobilità: da lunedì 26 ottobre in Lombardia si dovrà tenere conto dell’ordinanza firmata dal governatore Attilio Fontana e dal nuovo Dpcm del premier Conte.Ecco la sintesi dei provvedimenti in vigore.

E in Lombardia che cosa cambia? I cittadini brianzoli e lombardi devono ora tenere insieme l’ultimo Dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte domenica 25 ottobre con l’ordinanza regionale firmata nei giorni scorsi dal governatore Attilio Fontana. Ecco il combinato disposto tra i due provvedimenti in vigore da lunedì 26 ottobre al 24 novembre.

Spostamenti

Stop a spostamenti dalle 23 alle ore 05 di ogni giorno. Consentiti solo spostamenti motivati, con autodichiarazione, da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d’urgenza o per motivi di salute. Raccomandazione di non spostarsi, sia con mezzi pubblici o privati, salvo per necessità legate al lavoro, salute, studio e situazioni di necessità. Sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza.

Raccomandazione dell’utilizzo della modalità dello smart working da parte dei datori di lavoro privati

Negozi

Sabato e domenica chiusura grandi strutture di vendita, chiusi negozi all’interno dei centri commerciali. Apertura consentita solo per gli esercizi commerciali per la vendita di alimenti e prodotti per animali domestici, prodotti cosmetici e per l’igiene personale, per l’igiene della casa, piante e fiori e relativi prodotti accessori, nonché alle farmacie, alle parafarmacie, alle tabaccherie e monopoli. Obbligo di esporre all’esterno degli esercizi commerciali cartello con numero massimo di persone consentite all’interno. Stop a fiere e sagre.

Bar e ristoranti

Bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie chiudono alle ore 18. Ill consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, solo se non conviventi. Consentita ristorazione con consegna a domicilio, e fino alle 23 asporto o modalità drive-trough. Stop distributori automatici H24 di alimenti e bevande dalle ore 18 allo ore 05. Vietato sempre il consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione nelle aree pubbliche compresi parchi, giardini e ville aperte al pubblico. Divieto di consumare cibi e bevande in luoghi pubblici o aperti al pubblico dopo le ore 18

Sport

Consentita attività sportiva e motoria all’aperto e mantenendo distanziamento di sicurezza di almeno 2 metri. Sospesa attività di piscine, palestre, centri natatori, centri benessere, centri termali. Sospesi eventi e competizioni sportive. Consentiti solo eventi di carattere nazionale (sia professionistici che dilettantistici). Chiusi gli impianti sciistici. Consentita attività sportiva e attività motoria, all’aperto o presso circoli e centri sportivi (tranne che per palestre e piscine) solo rispettando distanziamenti di sicurezza ed evitando assembramenti. Sospeso tutto lo sport di contatto (fatto salvo eventi nazionali), anche attività sportiva dilettantistica di base

Scuola

Per le scuole secondarie di secondo grado (superiori) e istituti professionali, obbligo didattica a distanza.

Divertimenti

Sospese attività dei parchi tematici e di divertimento. Chiuse sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò. Sospesa l’attività in teatri, cinema e concerti. Sospesi convegni e congressi. Sospese le attività in sale da ballo e discoteche, all’aperto o al chiuso


© RIPRODUZIONE RISERVATA