Lentate, 17enne fa arrestare la baby gang che l’ha rapinato sul treno
Auto Carabinieri (Foto by Gianni Radaelli)

Lentate, 17enne fa arrestare la baby gang che l’ha rapinato sul treno

È stato avvicinato con la scusa della sigaretta e poi rapinato sul treno da tre coetanei con la fedina penale già lunga. Domenica sera un ragazzo di 17 anni di Lentate sul Seveso ha chiamato subito i carabinieri che hanno arrestato i responsabili.

Tre arresti per rapina in concorso ai danni di un ragazzo di 17 anni su un treno della Milano-Asso. È successo domenica sera a un adolescente di Lentate sul Seveso avvicinato con la scusa della sigaretta e poi rapinato e minacciato da tre coetanei con una fedina penale già lunga.

È successo su un treno diretto a Camnago. Il ragazzo è stato messo nel mirino alla stazione Milano-Affori e agganciato al piano superiore del treno che lo stava riportando a casa.

I tre, dopo la sigaretta, gli hanno chiesto del denaro e alla risposta negativa, minacciando di ferirlo con un coltello (mai mostrato), si sono fatti consegnare cellulare e felpa. Lui ha eseguito.

Una volta sceso a Seveso ha avvisato il capostazione, che ha chiamato i carabinieri intervenuti con i colleghi del radiomobile. Il treno dopo essere arrivato al capolinea di Camnago, è tornato indietro e i tre, che erano rimasti in carrozza per tornare a Milano, di nuovo a Seveso sono stati arrestati dai carabinieri per rapina in concorso, finendo la serata al Beccaria.

A quanto si è appreso, il capo della banda avrebbe già compiuto sei rapine negli ultimi due mesi, mentre il fratello di un degli altri sarebbe tra gli aggressori del figlio di Simona Ventura.

Il precedente - Un episodio simile, ma i tre responsabili non erano stati arrestati, era accaduto un paio di settimane fa tra Cesano Maderno e Varedo: un diciassettenne di Cesano Maderno salito alla stazione di Cesano, era stato rapinato del cellulare da tre ragazzi. Lui era sceso poi a Varedo, aveva chiamato i genitori e il tutto era stato poi denunciato alla tenenza di Cesano Maderno. I tre rapinatori arrestati domenica al momento non sono collegati a quell’episodio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA