Inaugurato al San Gerardo di Monza il nuovo tomografo a risonanza magnetica
Il nuovo tomografo dell’ospedale San Gerardo di Monza

Inaugurato al San Gerardo di Monza il nuovo tomografo a risonanza magnetica

Inaugurato all’Ospedale San Gerardo di Monza un tomografo a risonanza magnetica (RM) a 3 Tesla: permetterà di effettuare l’imaging strutturale e funzionale del sistema nervoso centrale e l’esecuzione anche di indagini dell’addome, del bacino e del collo.

È stato Inaugurato all’ospedale San Gerardo di Monza un tomografo a risonanza magnetica (RM) a 3 Tesla, un’apparecchiatura all’avanguardia nella diagnostica in grado di restituire immagini strutturali e funzionali di tutto il corpo umano. Una strumentazione fondamentale in ambito neuroradiologico e oncologico finanziata dall’Università di Milano-Bicocca e destinata sia ad attività cliniche, sia ad attività di ricerca. L’acquisto dell’attrezzatura è stato promosso dai dipartimenti di Psicologia e Medicina-Chirurgia di Milano-Bicocca che afferiscono al centro interdipartimentale di neuroscienze NeuroMi ma sarà a disposizione di tutti i ricercatori dell’Università e dei medici di ASST Monza, anche per collaborazioni con altri enti. L’apparecchiatura è collegata all’unità operativa complessa di Neuroradiologia dell’ospedale ed è dotata delle tecniche più avanzate per effettuare l’imaging strutturale e funzionale del sistema nervoso centrale e permette l’esecuzione anche di indagini dell’addome, del bacino e del collo.

Le autorità presenti al taglio del nastro

Le autorità presenti al taglio del nastro


Presenti alla cerimonia di inaugurazione il vicepresidente della Regione Lombardia e assessore alla Ricerca Fabrizio Sala, l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera e tra gli altri Giovanna Iannantuoni, rettrice Università degli Studi di Milano-Bicocca; Cristina Messa, presidente Fondazione Tecnomed, Università degli studi di Milano-Bicocca; Mario Alparone, direttore generale Asst Monza; Dario Allevi, sindaco di Monza.

La postazione che regola il tomografo

La postazione che regola il tomografo

«Regione Lombardia ha come obiettivo primario il potenziamento delle apparecchiature ad alto contenuto tecnologico per una diagnostica sempre più precisa ed efficace – ha detto il vicepresidente Sala – e questo nuovo tomografo va in questa direzione. La collaborazione con l’Università di Milano-Bicocca è di grande importanza per rafforzare il legame tra l’attività di ricerca e l’attività clinica, che vede nel San Gerardo di Monza una struttura all’avanguardia con un’équipe specializzata che fa della struttura sanitaria un’eccellenza non solo regionale, ma anche nazionale». «Il Tomografo - ha aggiunto l’assessore Gallera - è l’esempio concreto della collaborazione virtuosa fra il settore socio sanitario e il mondo scientifico che caratterizza e qualifica l’eccellenza del nostro sistema di welfare».

I dati forniti dal nuovo tomografo

I dati forniti dal nuovo tomografo


Per la gestione della RM 3 Tesla è stata stipulata una convenzione tra Asst di Monza e ateneo, che coinvolge anche Tecnomed, fondazione dell’Università di Milano-Bicocca. Un accordo che suggella ulteriormente la collaborazione fra i tre partner per trasformare sempre più l’Ospedale San Gerardo in una struttura in cui assistenza e ricerca in ambito sanitario sono fortemente intrecciate tra loro. L’elevata sensibilità del tomografo permetterà di identificare patologie difficilmente visualizzabili con quelli a campo magnetico inferiore.


© RIPRODUZIONE RISERVATA