Il caso via Rota a Vimercate, Sartini rassicura: «Il progetto  ha l’ok della Sovrintendenza»
Il progetto di via Rota

Il caso via Rota a Vimercate, Sartini rassicura: «Il progetto ha l’ok della Sovrintendenza»

Diversi cittadini paventano lo stravolgimento dei caratteri storici, ma il sindaco di Vimercate Francesco Sartini rassicura sul progetto di riqualificazione di via Rota: C’è l’ok della Sovrintendenza»

Dopo le critiche mosse da alcuni cittadini orenesi sulla riqualificazione di via Rota nella parte tra via Madonna e via Lecco, il sindaco cerca di rassicurare la popolazione. Diversi orenesi hanno avuto da ridire sul progetto che eliminerebbe non solo molti alberi, ma anche la storicità del viale. «Il progetto che si sta sviluppando tiene in profonda considerazione l’importanza storica del luogo, l’applicazione del migliore approccio per la conservazione delle caratteristiche compositive, morfologiche e materiche, gli equilibri e la composizione progettuale originaria, la sua morfologia, la sua geometria, l’ordine compositivo dei percorsi nel riproporre anche la stessa quantità di essenze arboree individuate nel rispetto delle indicazioni che il progredire della conoscenza fornisce – ha scritto Sartini-. Questo lavoro è stato condotto scrupolosamente sulla base di tutti i documenti ben noti e disponibili, non solo negli archivi del Comune ma anche nel fascicolo della pratica di vincolo paesaggistico di competenza della Sovrintendenza, opportunamente coinvolta e che ha fornito chiare e precise indicazioni a tutela di tutti gli elementi citati, per preservare ed accrescere il valore del luogo e del borgo».

I lumini di protesta per i lavori

I lumini di protesta per i lavori

Il progetto non ha molti margini di cambiamento, i lavori sono in corso da settimane ma Sartini rassicura che «le richieste puntuali della consulta di frazione, intese a migliorare l’utilizzo del viale, anche in occasione della sagra della patata, e a riproporre una diversa tipologia di essenze arboree, verranno valutate con il supporto della Soprintendenza». Basterà a placare le polemiche?,


© RIPRODUZIONE RISERVATA