Festival Lì Sei Vero, il ritorno in digital edition a Monza: il Veliero in cinque eventi tra teatro sociale e inclusione
Alcuni attori della compagnia teatrale “Il Veliero” in una performance durante la chiusura dei teatri per l’emergenza sanitaria, all’esterno del Binario 7

Festival Lì Sei Vero, il ritorno in digital edition a Monza: il Veliero in cinque eventi tra teatro sociale e inclusione

Il Festival nazionale di teatro e disabilità torna e raddoppia. Si parte da un format multimediale dal 17 al 23 maggio, con appuntamenti su Radio Binario 7. A settembre, dal 20 al 26, la tradizionale formula con compagnie selezionate in tutta Italia dal concorso ideato da Chicco Roveris e Daniela Longoni, in scena al teatro Binario 7. Intanto gli attori velierini sono tornati a provare a teatro, con grande gioia.

Tutto è pronto. Tante è l’emozione. Il Festival nazionale di teatro e disabilità “Lì sei vero” torna e raddoppia. Si parte da una digital edition dal 17 al 23 maggio. Per la quinta edizione del concorso, la compagnia teatrale “Il Veliero” di Monza non si è lasciata frenare dalle necessità, pur rispettate a regola d’arte, di distanziamento: il velierini hanno colto l’occasione per regalare nuove opportunità di riflessione e condivisione sui temi dell’inclusione sociale attraverso l’arte e le sue forme di espressione. Da lunedì 17 prenderà dunque il via la prima parte del Festival 2021, con la proposta di un format multimediale, mentre il tradizionale appuntamento in presenza che ha fatto il successo nazionale della manifestazione è in programma dal 20 al 26 settembre al Teatro Binario 7 di Monza. Proprio qui da qualche settimana gli attori velierini sono tornati a provare i loro spettacoli e a fare laboratori teatrali. A breve la compagnia sarà chiamata al ritorno in tournee con “Li’ Sei Vero: lo spettacolo (non) va in vacanza” che avrà come prima tappa l’Isola d’Elba. Per ora, intanto, si resta a Monza, felici di tornare a fare e a parlare di teatro. Sempre con la collaborazione del teatro e con le dirette su Radio B7 condotte da Gregory Bonalumi, Giovanni Vergani e Ilaria Cassanmagnago, la proposta odierna è quella di quattro tavole rotonde sui temi del Terzo Settore, con esperti e professionisti e un conclusivo convegno sul tema “Il teatro sociale, una grande risorsa per la persona e per la collettività”. Si parte lunedì 17 con “SperimentArsi”, alle 17.30. Il saluto del presidente de il Veliero, Alfredo Colina, darà ufficilamente il via alla prima parte del festival. Dopo gli interventi delle istituzioni, dal Comune di Monza alla Fondazione della Comunità MB, sarà presentato il Tavolo tematico provinciale “SperimentARSi”- il potere dell’arte e della cultura di mostrare e di trasformare”. Previsto un collegamento in diretta dalla sala Chaplin del teatro con Daniela Longoni ed Enrico Roveris, direttori artistici del Festival, che saranno affiancati e dagli attori della compagnia.

Martedì alle 10.30 spazio a “Dentro i servizi” con interventi del Laboratorio Arti Visive del Comune di Bovisio Masciago, della cooperativa “Il seme” di Cesano Maderno e della cooperativa Iride di Monza. Mercoledì 19, stesso orario, “L’arte che cura” con Dome Bulfaro poeta, performer e poetaterapeuta, Lorenzo Pierobon musicoterapeuta, Francesca Vergani musicologa di “Fondazione Sequeri Esagramma Onlus” e associazione Antonia Vita. Giovedì 20 alle 17.30 largo alla musica, con Giulia D’Amico, giovane allieva della scuola Sms che racconterà la sua esperienza di corsista durante il lockdown. In diretta anche lezioni di canto e la testimonianza di una mamma.

Venerdì 21 maggio (orario da definire) spazio a “Diverso da chi? con Gregory Bonalumi, Chicco Roveris, Paolo Piffer e la presentazione del libro di Nicolò Cafagna, “Diverso da Chi? Storie a rotelle e ironia senza freni” edito da Ananke Lab. Sabato 22 in programma il convegno di teatro sociale, occasione per condividere esperienze e percorsi di teatro sociale nel campo della fragilità e della disabilità con interventi da tutta Italia. Interverranno docenti universitari, registi, artisti, formatori, ricercatori. (programma dettagliato del format multimediale sui canali sociale de Il Veliero).

Poi “Il Veliero” darà l’arrivederci alla seconda parte del Festival, a settembre, quando compagnie teatrali provenienti da tutto il territorio nazionale, selezionate dalla Commissione de Il Veliero Monza, e di diritto le compagnie vincitrici del contest video 2020, si “sfideranno” sul palcoscenico del Binario 7 mettendo in scena i loro migliori lavori teatrali. «Dal 20 al 26 - spiega Chicco Roveris - la seconda settimana di festival ha l’ambizione di voler riproporre il format originale che prevede di poter vivere l’emozione del teatro nella sua profonda essenza, tornando a poter assistere a rappresentazioni teatrali dal vivo. Interverranno personaggi dello spettacolo “speciali” come il cast, il regista e il produttore della fiction “Ognuno è perfetto” per raccontarci il dietro le quinte di questa produzione che ha visto come protagonisti tutti ragazzi con disabilità e due nostri attori». Oltre al concorso, si potrà assistere alla nuova produzione teatrale degli attori de Il Veliero Monza, commedia completamente creata e realizzata nel periodo Covid.


© RIPRODUZIONE RISERVATA