Fase 2 a Monza e in Brianza: code davanti ai negozi specializzati, le attività si organizzano - FOTO A Monza
Lissone coda Decathlon lunedì 18 maggio 2020

Fase 2 a Monza e in Brianza: code davanti ai negozi specializzati, le attività si organizzano - FOTO A Monza

FOTO A Monza - Lunedì 18 maggio, via alla Fase 2. A Monza e Brianza code davanti ai negozi specializzati, le attività si organizzano per tornare verso la nuova normalità.

Code davanti ai punti vendita specializzati in Brianza nel primo giorno di Fase 2 dopo l’emergenza coronavirus. Lunedì 18 maggio in tanti hanno avuto la stessa idea: comprare un accessorio sportivo, un complemento d’arredo o un capo d’abbigliamento.

A Lissone si sono registrate code distanziate davanti all’ingresso del Decathlon e anche del vicino Mondo Convenienza.

Lissone coda Mondi Convenienza lunedì 18 maggio 2020

Lissone coda Mondi Convenienza lunedì 18 maggio 2020

A Monza clienti in coda per entrare da Zara e sotto i portici del Comune per accedere agli uffici. Come già in occasione delle prime riaperture di lunedì 4 maggio, fila lunga davanti alla banca Unicredit in piazza Roma.

A Carugate, e in tutti i punti vendita in Italia, serpentone per entrare all’Ikea. I clienti sono stati accolti dal personale.

È ripartita anche l’attività dei negozi, bar e ristoranti. Quelli che hanno deciso di ripartire perché, c’è chi ha preferito prendersi del tempo per organizzarsi meglio o anche continuare come finora con take away e delivery (come Rise di Vimercate e per uön giorno Carrobiolo Brewpub a Monza nel campo della ristorazione).

Ristoranti e bar, secondo le linee guida, devono predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità. Devono poi garantire ai clienti e personale la disponibilità di prodotti igienizzanti, in particolare all’entrata e in prossimità dei servizi igienici, che dovranno essere puliti più volte al giorno.

Gli esercizi che dispongono di posti a sedere privilegiare l’accesso tramite prenotazione, mantenere l’elenco dei soggetti che hanno prenotato, per un periodo di 14 giorni. In tali attività non possono essere presenti all’interno del locale più clienti di quanti siano i posti a sedere.
Negli esercizi che non dispongono di posti a sedere (in gradi di garantire 1 metro di separazione tra i clienti, salvo presenza di minori di 6 anni o persone non autosufficienti), consentire l’ingresso a un numero limitato di clienti per volta, in base alle caratteristiche dei singoli locali, in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti. Dove possibile, privilegiare l’utilizzo degli spazi esterni (giardini, terrazze, plateatici), sempre nel rispetto del distanziamento di almeno 1 metro.

Lesmo bar edicola lunedì 18 maggio 2020: nuovi posti all’esterno

Lesmo bar edicola lunedì 18 maggio 2020: nuovi posti all’esterno

La consumazione al banco è consentita solo se può essere assicurata la distanza interpersonale di almeno 1 metro clienti (salvo presenza di minori di anni sei o persone non autosufficienti. Non è più consentita la consumazione a buffet.

Persone e clienti (quando non seduti al tavolo) devono essere sempre muniti di mascherine.


© RIPRODUZIONE RISERVATA