Droga dalla Spagna pagata con bitcoin: i carabinieri lo arrestano al ritiro del pacco
droga bit (Foto by Roberto Magnani)

Droga dalla Spagna pagata con bitcoin: i carabinieri lo arrestano al ritiro del pacco

Operazione dei carabinieri di Varedo: ai domiciliari un 24enne di Bovisio, incensurato. Per ritirare la merce, 150 grammi di marijuana, aveva un codice alfanumerico. A casa i militari gli hanno trovato 30 grammi di stupefacente.

Ha acquistato la droga comprata in Spagna pagandola in bitcoin, poi ha atteso l’arrivo di un pacco anonimo con la merce, 150 grammi di marijuana. Ma tutto è andato storto a causa di un impiegato di un “punto di ritiro” del pacco, insospettito dalla consistenza dell’involucro. Ha chiesto quindi l’intervento dei carabinieri di Varedo, i quali, una volta scoperto il contenuto, hanno atteso l’arrivo dell’anonimo, dotato di un codice alfanumerico per il ritiro, per arrestarlo. Si tratta do un 24enne domiciliato a Bovisio Masciago, incensurato.

Nella sua abitazione i militari dell’Arma hanno rinvenuto ulteriori 30 grammi di marijuna, un bilancino di precisione e denaro contante probabile frutto di cessioni al dettaglio.Dall’analisi dello smartphone del giovane è emerso che più volte aveva usufruito di questo servizio di spedizione per farsi recapitare varie tipologie di droghe dalla Spagna. Il codice di spedizione gli veniva fornito direttamente dal mittente, in Catalogna, tramite un’applicazione di messaggistica telematica che cancella in automatico i messaggi. Ciò nonostante, gli esperti digitali dell’Arma sono comunque riusciti a recuperarli, evidenziandone il contenuto definito «inequivocabile». Per il pagamento della “merce” il giovane utilizzava piattaforme per lo scambio di bitcoin.

Per pagare la droga ha utilizzato i bitcoin

Per pagare la droga ha utilizzato i bitcoin
(Foto by Roberto Magnani)

E’ stato sottoposto dal Tribunale di Monza agli arresti domiciliari con divieto di comunicare con qualsiasi mezzo con terze persone. Intanto proseguono le attività di indagine da parte dei carabinieri per individuare altri soggetti che si avvalgono di questo anonimo sistema per l’acquisto di stupefacenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA