Covid a Monza e Brianza: vaccinato un quarto degli over 80, come procederà la campagna
Un centro vaccinazioni (Foto by Fabrizio Radaelli)

Covid a Monza e Brianza: vaccinato un quarto degli over 80, come procederà la campagna

Ats ha riferito i numeri della campagna di vaccinazione al 16 marzo: gli over 80 vaccinati sono il 27% del totale degli aderenti. Ecco il piano per aprire le sedi vaccinali ulteriori e attivare ad aprile il piano di massa.

Gli over 80 vaccinati contro il Covid alla metà di marzo sono un quarto di quanti hanno aderito alla campagna regionale: lo ha riferito la Ats Brianza riferendo i dati di monzese e lecchese al 16 marzo. Su un totale di ultra 80enni che vive nelle due province (87.481) sono 72.745 quelli che si sono iscritto e sono 20.124 quelli che hanno già ricevuto la prima dose, cioè 20.124 (il 27,7%), ad alcuni dei quali è stata inoculata la seconda dose.

“Lapercentuale di vaccinati è correlata alle disponibilità del vaccino Pfizer-BioNTech, destinato a questa categoria di cittadini - dice l’Ats -. La campagna sta comunque procedendo, e - compatibilmente con la disponibilità di dosi - dovrebbe proseguire più velocemente nelle prossime settimane” anche in corrispondenza dell’allargamento dei centri vaccinali nel territorio, anche con le sperimentazioni con i medici di medicina generale. “Nell’ultimo mese, sono stati somministrati ulteriori vaccini per circa 20.000 dosi, di cui 7.400 al personale scolastico e 12.300 ad altri cittadini under 80 facenti parte delle categorie prioritarie”.

Nel frattempo sono in corso le rilevazioni per procedere con volontari della protezione civile e del trasporto sociale, dei cittadini con grandi disabilità e di chi si occupa della loro assistenza.

Un percorso che procede in attesa della vaccinazione di massa annunciata da Regione Lombardia anche attraverso i centri sovracomunali, con avvio annunciato per aprile. Sono 230 le linee vaccinali individuate nelle due province “a fronte di 171 linee necessarie a somministrare la quantità di vaccini quotidiana prevista per questo territorio a partire dal mese di aprile”.”La rete appare quindi adeguata alla previsione di dosi da somministrare, e potrà essere implementata in caso di ulteriore aumento dei vaccini a disposizione. In questa eventualità, le disponibilità di spazi comunicate da diversi Comuni, pur se non attuabili in questa fase, sono ben presenti alla nostra attenzione e potranno essere valutate”.

Gli hub sovracomunali che apriranno per primi sono a Carate il Polaris studio di via della Valle, a Monza l’area ex Philips e l’autodromo, a Meda i campi di calcetto, a Besana in Brianza il palazzetto dello sport così come a Limbiate, a Cornate d’Adda la palestra comunale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA