Corruzione e peculato, otto arresti dei carabinieri di Monza Brianza
Operazione dei carabinieri di Monza e Brianza

Corruzione e peculato, otto arresti dei carabinieri di Monza Brianza

Peculato, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, accesso abusivo a sistemi informatici e telematici, rivelazione di segreto d’ufficio, falso ideologico commesso dal pubblico ufficiale, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, ricettazione, favoreggiamento personale, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti le accuse a vario titolo.

E’ tuttora in corso, nelle province di Milano e Reggio Calabria, un’operazione dei Carabinieri di Monza Brianza nei confronti di 8 persone (7 in carcere e 1 agli arresti domiciliari), ritenute responsabili a vario titolo di peculato, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, accesso abusivo a sistemi informatici e telematici, rivelazione di segreto d’ufficio, falso ideologico commesso dal pubblico ufficiale, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, ricettazione, favoreggiamento personale, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

I provvedimenti, emessi dal G.I.P. del Tribunale di Monza, su richiesta della Procura della Repubblica di Monza, all’esito di attività investigativa sviluppata dal Nucleo Investigativo dell’Arma monzese, hanno fatto emergere, tra l’altro, la figura di un appartenente alle Forze dell’Ordine, tratto in arresto nell’autunno del 2017 perché trovato in possesso mezzo chilogrammo di eroina.

Ulteriori dettagli saranno divulgati nel corso della conferenza stampa prevista per le ore 11.00 presso il Comando Provinciale di Monza Brianza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA