Coronavirus, Trenord e Atm da lunedì 4 maggio: la Fase 2 dei trasporti in Lombardia
Coronavirus Fase 2 treni Trenord

Coronavirus, Trenord e Atm da lunedì 4 maggio: la Fase 2 dei trasporti in Lombardia

Trenord e Atm: ecco la Fase 2 dei trasporti della Lombardia nell’emergenza coronavirus, quando da lunedì 4 maggio chi deve ritornare al lavoro dopo il lockdown lo farà con i mezzi pubblici.

Fase 2 con linee S al 100% nelle ore di punta per Trenord, cambiano i tempi e le modalità di viaggio di Atm. Ecco la Fase 2 dei trasporti della Lombardia nell’emergenza coronavirus, quando da lunedì 4 maggio chi deve ritornare al lavoro dopo il lockdown lo farà con i mezzi pubblici. Dal 4 al 31 agosto è d’obbligo utilizzare guanti e mascherine a bordo dei mezzi, nelle stazioni e nelle fermate secondo un’ordinanza regionale che mira anche a minimizzare le possibilità di assembramento nei principali interscambi e ripristinare progressivamente il numero delle corse alla frequenza “pre-emergenza” sull’intero territorio regionale.

LEGGI Coronavirus, le due nuove ordinanze della Lombardia per la “Fase 2”: mascherine, trasporti, attività sportiva, negozi e mercato

Trenord. Tutte le i direttrici suburbane del servizio ferroviario regionale, che servono il Passante di Milano, da lunedì 4 maggio torneranno a offrire la massima offerta, con corse ogni 30’ nelle ore di punta, dalle 6 alle 9.30 e dalle 16 alle 19. Sull’intera giornata il servizio si incrementa dal 40% al 60%.
Si tratta delle linee S1 Saronno-Milano-Lodi, S2 Mariano/Seveso/Camnago-Milano, S5 Varese-Milano-Treviglio, S6 Novara-Milano-Treviglio, S7 Lecco-Milano, S11 Chiasso-Milano Porta Garibaldi e S13 Pavia-Milano Bovisa. Queste linee suburbane trasportano ogni giorno il 50% dell’utenza dell’intero servizio di Trenord. Nelle ore di punta, anche la Milano-Mortara-Alessandria offrirà il 100% del servizio.
Per garantire il distanziamento tra le persone, su tutte le linee a maggiore frequentazione, le composizioni saranno rinforzate dove non sono già al massimo della capacità.
Per viaggiare a bordo dei treni e dei bus occorre munirsi del documento di autocertificazione, compilato come previsto dalla normativa.

Coronavirus Fase 2 treni Trenord

Coronavirus Fase 2 treni Trenord

LEGGI Svelata la “Fase 2” Trenord: posti a scacchiera e metà dei viaggiatori a bordo dei treni

“Pur prevedendo frequentazioni fortemente ridotte rispetto al periodo Pre-Covid19, Trenord ha disposto un capillare servizio di presenziamenti sul territorio per valutare il livello reale dei flussi: questo renderà possibile ulteriori adeguamenti dell’offerta al variare della domanda”, si legge in una nota.

Oltre 120 operatori di security, vendita, assistenza e controlleria saranno presenti nelle 35 principali stazioni per fornire informazioni. Nelle stazioni dei capoluoghi di provincia, dal 4 al 9 maggio, volontari della Protezione Civile distribuiranno mascherine messe a disposizione da Regione Lombardia. Proseguiranno le attività quotidiane di sanificazione straordinaria dei convogli svolte di giorno nei tempi di sosta dei mezzi presso le principali stazioni di Milano e di notte nei depositi ferroviari.

Trenord ha attivato anche una campagna di comunicazione per sensibilizzare i viaggiatori al rispetto delle disposizioni per la salvaguardia della salute pubblica. In particolare l’allestimento nelle carrozze della campagna con avvisi sull’obbligo di guanti e mascherine, oltre alla segnaletica per il distanziamento: guanti e mascherine sono obbligatori per salire.
I posti saranno disponibili a scacchiera e i sedili off-limits sono indicati da un apposito cartello. Per evitare assembramenti, i clienti a bordo vengono invitati a mantenere comportamenti corretti anche sulle banchine di attesa, nei pressi della porte d’accesso e nelle biglietterie
, dove saranno affissi inviti ad acquistare i titoli di viaggio attraverso i canali on line.
Un vademecum online pubblicato sul sito, sull’App e sui canali social dell’azienda sarà inviato a oltre 200mila clienti registrati.

Coronavirus Fase 2 treni Trenord

Coronavirus Fase 2 treni Trenord

“Trenord ricorda che in quest’epoca di emergenza sanitaria globale, anche la mobilità delle persone richiede comportamenti responsabili: oltre all’uso dei dispositivi di protezione individuale, occorre che i viaggiatori rispettino le distanze, non insistano nel salire su carrozze già occupate, utilizzino solo i posti indicati, prestino attenzione agli annunci di stazione, attendano eventualmente i treni successivi e, per l’acquisto dei titoli di viaggio, siano privilegiati i canali on line (app e sito)” continua la nota.

Per il prolungarsi della riduzione del traffico aeroportuale, il collegamento Malpensa Express viene svolto con 35 corse giornaliere che partiranno e arriveranno a Milano Centrale, passando per Porta Garibaldi e Bovisa-Politecnico.

Atm. Per usare i mezzi pubblici sarà necessario indossare mascherina e guanti e rispettare il distanziamento di 1 metro, che comporta una riduzione drastica della capacità di trasporto: i mezzi potranno garantire circa il 25% della normale capacità di carico. Atm ripartirà con il servizio a pieno regime: la programmazione sull’intera rete (frequenze e orari) sarà quella di un normale giorno lavorativo al 100%. Atm metterà in campo tutto il personale disponibile nelle principali stazioni e fermate dei mezzi di superficie per supportare e indirizzare i passeggeri.

In metropolitana, per regolamentare il flusso dei viaggiatori nelle stazioni, verranno chiusi i tornelli in funzione del numero di utenti che già si trovano all’interno delle banchine e dei treni. Specifici annunci informeranno sulla situazione e comunicheranno la necessità di attendere, suggerendo di mantenere la fila sempre rispettando le distanze.
Atm invita la clientela a pianificare i propri spostamenti, cercando di evitare gli orari di maggior affluenza, vale a dire le tradizionali ore di punta del primo mattino (7-9) e del pomeriggio (17-19).

“Queste limitazioni, definite dalle Autorità, avranno un impatto notevolissimo. Potrà essere necessario attendere in coda alle stazioni e alle fermate di bus e tram prima di poter salire a bordo. Inevitabilmente, i tempi di viaggio saranno maggiori - sottolinea l’azienda - La collaborazione di tutti i passeggeri sarà fondamentale: cambia completamente il modo di muoversi, il viaggio sarà scandito da nuovi tempi e nuove regole. Rispettare i requisiti richiesti dalle Autorità sarà il primo passo per viaggiare in sicurezza”.

In superficie, su bus, tram e filobus non è previsto un sistema di controllo specifico. Pertanto i passeggeri sono invitati a salire a bordo solo se lo spazio all’interno del mezzo consente il distanziamento necessario. La porta anteriore dei mezzi di superficie continuerà a non sarà utilizzabile. In caso di affollamento, il conducente e la sala operativa valuteranno le azioni da intraprendere, coinvolgendo eventualmente le Forze dell’Ordine.

Atm ricorda che il rispetto dell’uso delle mascherine, dei guanti e del distanziamento da parte dei passeggeri è demandato alla collaborazione e al senso di responsabilità di ogni cittadino.

E per favorire i corretti comportamenti da parte dei passeggeri, ha studiato una specifica segnaletica e una campagna di informazione dedicata, con marker a terra e sui sedili, sui mezzi e alle fermate. Nelle principali stazioni della metropolitana, percorsi obbligati guideranno i passeggeri con un’apposita segnaletica, già presente in alcune fermate della metro e che progressivamente verrà estesa sulla rete.


© RIPRODUZIONE RISERVATA