Coronavirus, gli aggiornamenti di venerdì 27 marzo: l’autodromo rinvia le gare Dtm, i calciatori del Monza per la ricerca, oltre 300 i contagi nel capoluogo
Controlli anche sugli autobus a Monza (Foto by Fabrizio Radaelli)

Coronavirus, gli aggiornamenti di venerdì 27 marzo: l’autodromo rinvia le gare Dtm, i calciatori del Monza per la ricerca, oltre 300 i contagi nel capoluogo

Ora per ora, gli aggiornamenti sull’epidemia di Covid 19 nel territorio di Monza e Brianza per venerdì 27 marzo 2020.

Ora per ora, gli aggiornamenti sull’epidemia di Covid-19 nel territorio di Monza e Brianza per venerdì 27 marzo 2020.

Ore 18.30 Il Salone del mobile di Milano rinviato al 2021.

Ore 18 La Regione Lombardia e i dati di oggi: a Monza e Brianza crescita fino a 1.948 positivi, 339 solo a Monza. Qui la conferenza stampa.

Ore 17 L’azienda Sangalli di Monza ha diramato le informazioni su come raccogliere i rifiuti nelle case in cui c’è un positivo al tampone o una persona in isolamento o quarantena.

Ore 16 Il Comune di Monza ha deciso di non andare aggiornamenti sulle vittime per coronavirus, ma ogni giorno il sindaco Dario Allevi segnala la situazione in città: i contagi ieri erano 308, cinquanta in più del giorno prima. Giovedì sera non ha dimenticato di salutare per l’ultima volta Giancarlo Besana.

Ore 15.40 C’è un problema con i fuochi di San Giovanni e il FuoriGp di Monza, spiegano in Comune: ed è difficile fare previsioni.

Ore 15 C’è qualche sindaco che vuole controllare dall’alto il Comune? Una società di Seregno che si occupa di droni offre il servizio gratis. SI chiama RP Drone Pilot e ha scritto online che “offre gratuitamente il proprio supporto ai Comuni di Monza e Brianza al fine di monitorare ed individuare eventuali assembramenti di persone non autorizzate ad uscire di casa, facendo rispettare le vigenti disposizioni del Governo per contenere i contagi da covid19”.

Ore 13.40 «Penso inizi» la discesa sono le parole con cui Attilio Fontana ha aperto la conferenza stampa di venerdì 27 marzo: ecco che cosa ha detto.

Ore 13.20 La Roche di Monza prosegue l’impegno contro l’epidemia di Covid-19: nella seconda fase di progetto ha donato materiale igienizzate, dispositivi di protezione e materiale informativo ai medici di famiglia.

Ore 13.15 Un’altra vittima di coronavirus a Sovico: lo ha dichiarato il sindaco Barbara Magni. Nel Comune risultano 13 persone positive al tampone e 35 in sorveglianza.

Ore 13.10 Continua l’impegno della Fondazione di comunità Monza e Brianza per le realtà del territorio impegnate nei giorni dell’epidemia. Ecco a chi vanno altri 55mila euro.

Ore 13 L’autodromo posticipa il weekend di gara Dtm al 13-15 novembre e sarà la tappa finale del campionato 2020 della serie. “A seguito dell’emergenza Covid-19, il Promoter ITR ha riorganizzato il calendario di quest’anno del campionato DTM, nel tentativo di trovare una nuova collocazione ai 10 round della stagione”, scrive il circuito nazionale. I biglietti già venduti rimangono validi.

Musicamorfosi

Musicamorfosi

12.20 Anche Musicamorfosi dà una mano a tutti quelli costretti in casa: l’associazione guidata da Saul Beretta ha completamente modificato la sua home page per offrire playlist musicali, video ad hoc, video ricordi, doni musicali di alcuni dei nostri musicisti, materiale di ascolto per i tempi di riflessione, per il sonno, per la spesa, per la contemplazione delle finestre. “Scriveva John Cage alla fine della sua magistrale Conferenza su niente: non è irritante essere dove si è, solo è irritante credere che ameremmo essere altrove. Questo è l’augurio che faccio a noi tutti ora: stare dove stiamo”.

11.20 Continua l’impegno dei ristoratori monzesi e brianzoli per chi affronta in prima linea l’emergenza: giovedì sera l’History Pub di Monza ha consegnato all’ospedale di Vimercate la cena a medici e infermieri del reparto rianimazione. Con i pasti anche un dono di Eco Store, che ha regalato “carta e penne per i pazienti che verranno distribuiti anche grazie alla protezione civile e alla croce rossa. Un’idea nata dall’assoluta certezza che scrivere e disegnare è un bisogno primario per grandi e piccini”.

Ore 11.10 Ufficializzati i primi due morti per coronavirus a Vedano. Con i decessi di Cesano e Lissone di giovedì (ormai 7 in totale). In Brianza superate le 100 vittime ufficiali.

Ore 11 Oltre 25mila euro per aiutare la ricerca dell’Istituto Mario Negri: la donazione è stata fatta dai giocatori del Monza per sostenere la ricerca farmacologica. «Ricerca, ricerca, ricerca – ha commentato Adriano Galliani, amministratore delegato del Monza - Riprendo le parole di Giuseppe Remuzzi (Direttore dell’Istituto Mario Negri) che ho sentito spesso in questi giorni in tv. Vorremmo essere tra i primi a dare seguito a questo importantissimo appello, perché sono convinto che la ricerca sia l’unico strumento di cui disponiamo per sconfiggere questa terribile malattia».

Ore 10.50 La società BrianzAcque ha donato alla Protezione Civile di Monza e Brianza 1.300 borracce da destinare ai volontari in campo. «È un piccolo gesto per farvi sentire tutta la nostra vicinanza ed esprimervi il nostro ringraziamento per il lavoro prezioso che, in questo periodo drammatico, tutti i giorni svolgete, senza risparmiarvi, nelle comunità locali a sostegno del territorio e della popolazione» ha scritto nel biglietto di accompagnamento il presidente Enrico Boerci.

Ore 10.20 La Brianza ha rischiato di perdersi del tutto l’edizione 2020 (2019 quando nasce, a Sarmede) della mostra “Le immagini della fantasia”, a causa della serrata generale. E allora il sistema bibliotecario di Monza ha deciso di renderla virtuale.

Ore 10 Il punto da cui ripartire nella giornata di venerdì 27 marzo è il picco di positivi registrato nella giornata del 26 marzo dalla Lombardia: 34.889, cioè +2.543 da mercoledì, 1.750 nella provincia di Monza e Brianza (+163). I guariti o dimessi sono arrivati a 7.839 (+1.501, erano 990), quello dei decessi riconosciuti 4.861, cioè +387. Rispetto all’aumento dei positivi, il professore Carlo Federico Perno, virologo e direttore dell’Analisi chimico cliniche e microbiologia del Niguarda e del Dipartimento di Medicina di Laboratorio, ha commentato che «i numeri sono un inizio dei ragionamenti e noi abbiamo aumenti di nuovi positivi e di nuovi guariti. Quelli che abbiamo non sono da intendere come nuove infezioni, ma come nuove diagnosi. Abbiamo la conferma dall’ospedale Niguarda con un crescendo rapidissimo di tamponi. Un cauto ottimismo può continuare a esserci».


© RIPRODUZIONE RISERVATA