Colletta alimentare, sabato 29 fai la spesa per i più poveri

Colletta alimentare, sabato 29 fai la spesa per i più poveri

Torna l’appuntamento del Banco alimentare con la raccolta di cibo che aiuta le famiglie bisognose. I volontari inviteranno a donare davanti ai supermercati.

“Condividere i bisogni per condividere il senso della vita”. Il Banco Alimentare della Lombardia parte da qui. Da dove ogni volontario, pur con la sua storia, diversa e unica, parte per ritrovarsi con gli altri e con se stesso. E da qui muove i primi passi anche la Colletta alimentare, alla sua diciottesima edizione.

Sabato 29 novembre, all’ingresso di molti supermercati aderenti, torneranno i volontari, dall’Associazione nazionale alpini ai volontari della San Vincenzo, da molti giovani degli oratori ai volontari del Banco, impegnati per un altro traguardo di solidarietà. Come contribuire? Basta fare la spesa. E pensare a chi si trova in povertà. I volontari distribuiranno ai consumatori sacchetti vuoti con l’invito a riempirli con prodotti adatti.

Riso, alimenti per l’infanzia, sughi e pelati, biscotti, tonno in scatola, legumi, olio d’oliva, ma anche omogeneizzati e carne in scatola, che sono tra i più richiesti dalle strutture caritative. Ciascuno può donare quello che desidera tra questi alimenti. Attivo sino al 4 dicembre anche un sms (o una chiamata da rete fissa) al 45504 per la donazione di due euro. Informazioni ulteriori su: www.bancoalimentare.it.

Duemila tonnellate di prodotti: l’ultimo sabato di novembre dello scorso anno tanto portò alla raccolta di cibo nella sola Lombardia. Oltre il dieci per cento di quelle tonnellate venne raccolto a Monza e in Brianza. La speranza, e la necessità di oggi, è quella di superare il bilancio del 2013.

Dalla Colletta giunge in media ogni anno il 15 per cento del totale distribuito dal Banco, ma la Giornata nazionale ha una valenza ulteriore: quella di piccolissimi o grandi gesti che portano al coinvolgimento della collettività e alla presa di coscienza dei bisogni da parte di tutti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA