Cesano Maderno: bambino positivo all’asilo alla Snia a scuola in attesa dell’esito, tamponi per la sua classe
Cesano Maderno: scuola dell’infanzia Montessori al Villaggio Snia (Foto by Cristina Marzorati)

Cesano Maderno: bambino positivo all’asilo alla Snia a scuola in attesa dell’esito, tamponi per la sua classe

C’è un primo caso di positività a scuola anche a Cesano Maderno. Riguarda un bimbo di 5 anni della scuola dell’infanzia Montessori alla Snia risultato positivo al coronavirus. Tamponi per la classe. Il bambino era risultato positivo il 9 settembre, martedì la comunicazione alla scuola.

C’è un primo caso di positività a scuola anche a Cesano Maderno. Riguarda un bimbo di 5 anni della scuola dell’infanzia Montessori alla Snia risultato positivo al coronavirus. Dopo la comunicazione di Ats Brianza si è attivato il protocollo e la sezione di appartenenza è stata sottoposta a tampone all’ospedale San Gerardo di Monza: in tutto 17 bambini e 3 maestre. I bambini, le insegnanti e le famiglie si trovano in quarantena in attesa dell’esito del tampone e delle indicazioni di Ats.

LEGGI Cesano Maderno, tamponi negativi all’asilo alla Snia: ritorno in classe per i bambini

«Sono state attivate tutte le misure preventive. Ognuna delle otto sezioni è come una “bolla” che opera senza contatti con le altre - ha spiegato l’assessore all’Istruzione, Pietro Nicolaci, illustrando l’organizzazione prevista - Genitori e bambini entrano dalle porte finestre che affacciano sul giardino e le sezioni sono divise da blocchi di new Jersey».

La dirigenza della scuola è stata informata martedì 15 settembre. “Dalla telefonata intercorsa ieri tra la dirigenza della scuola e i genitori dell’alunno positivo si è appreso che il bambino era stato sottoposto a tampone il 3 settembre scorso e che, nonostante questo, nei giorni 7, 8 e 9 settembre ha continuato a frequentare la scuola. La famiglia è venuta a conoscenza della positività il 9 settembre e dal giorno successivo la frequenza è stata interrotta”, si legge nella nota del Comune.

”Questo episodio, certamente singolare per come è avvenuto, ci induce a raccomandare alle famiglie un comportamento prudente e responsabile. Se un bambino viene sottoposto a tampone non può assolutamente frequentare la scuola fino a che l’esito non certifichi la negatività al Covid. Non solo, anche se un bambino ha la febbre deve rimanere a casa e ogni mattina le famiglie dovrebbero assicurarsi che i figli non abbiano febbre e non siano presenti segni che potrebbero far sospettare un esordio di Covid. Nel caso di sospetto, bisogna avvisare immediatamente il medico di famiglia o il pediatra”, chiarisce il municipio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA