Caso Seregno: Lugarà scarcerato per “mancanza di gravi indizi”
Seregno: Gatti e Lugarà

Caso Seregno: Lugarà scarcerato per “mancanza di gravi indizi”

Dopo essere stato trasferito in ospedale per motivi di salute conclamati, Antonino Lugarà è stato scarcerato per mancanza di gravi indizi di colpevolezza nell’ambito dell’inchiesta per presunta corruzione che ha azzerato il Comune di Seregno.

Dopo essere stato trasferito in ospedale per motivi di salute conclamati, Antonino Lugarà è stato scarcerato dal tribunale del Riesame per mancanza di gravi indizi di colpevolezza nell’ambito dell’inchiesta per presunta corruzione che ha azzerato il Comune di Seregno. Lugarà era stato arrestato il 26 settembre insieme all’ex sindaco di Forza Italia Edoardo Mazza, al consigliere comunale Stefano Gatti di Seregno e al giussanese Giuseppe Carello (tutti ai domiciliari).

Era finito in carcere con l’accusa di aver procurato voti per l’elezione del sindaco di Seregno in cambio del via libera alla realizzazione di un supermercato.

Antonio Lugarà ha lasciato il carcere di Opera nella serata di giovedì 19 ottobre dopo che è stato accolto il ricorso per l’annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare presentato dal legale Luca Ricci.


© RIPRODUZIONE RISERVATA