Calendario 2020 pro Unicef della Polizia di Stato: ecco come prenotarlo
Il fotografo Pellegrin in azione

Calendario 2020 pro Unicef della Polizia di Stato: ecco come prenotarlo

Corredato da foto realizzate da Paolo Pellegrin, vincitore di dieci edizioni del World Press Photo, dal 2005 uno dei migliori fotografi e videomaker del mondo, potrà essere ritirato alla questura di via Montevecchia.

Foto d’autore delle donne e degli uomini della Polizia di Stato impegnati nel loro quotidiano servizio. Sono quelle che corredano l’edizione 2020 del calendario della Polizia per il quale sono aperte le prenotazioni da parte di tutti i cittadini che gradiscano averne una copia. Come per lo scorso anno saranno poste in vendita l’edizione grande da parete al costo unitario di 8 euro e la piccola da tavolo al costo di 6 euro. Le prenotazioni termineranno il 23 settembre .

A scattare le bellissime foto è stato Paolo Pellegrin, vincitore di dieci edizioni del World Press Photo, dal 2005 uno dei migliori fotografi e videomaker del mondo e membro effettivo di Magnum Photos. Anche quest´anno la realizzazione del calendario della Polizia di Stato ha trovato la partenship di Unicef. Il ricavato della vendita verrà devoluto al Comitato italiano per l´Unicef Onlus per sostenere il progetto connesso alla celebrazione del Trentesimo anniversario della Convenzione ONU dei diritti dell´infanzia e dell´adolescenza per riaffermare i diritti dei più giovani.

E’ possibile prenotare il calendario compilando e pagando presso qualsiasi ufficio postale un bollettino intestato a: Comitato italiano per l’UNICEF C/C 745000 causale ”quota calendario della Polizia di Stato 2020 per il progetto UNICEF”; (se si intende acquistare più calendari basterà un unico versamento pari all’importo totale del numero di calendari richiesti).

Con la ricevuta del bollettino pagato basta poi recarsi presso gli uffici della Questura di Monza e della Brianza per comunicare l’avvenuta prenotazione. Il ritiro verrà comunicato direttamente agli interessati nel prossimo mese di dicembre.


© RIPRODUZIONE RISERVATA