Trofeo Berlusconi, Monza-Juventus: allo U-Power Stadium finisce 1-2
Ranocchia con D’Alessandro

Trofeo Berlusconi, Monza-Juventus: allo U-Power Stadium finisce 1-2

Allo U-Power Stadium la XXV edizione del trofeo. Bagno di folla per l’arrivo del bus dei bianconeri allo stadio. Buone occasioni da una parte e dall’altra, ma la rete che sblocca il match è di Filippo Ranocchia dopo 13 minuti. Nella ripresa, errore di Bellusci e bis di Kulusevski. Accorcia nel finale D’Alessandro

45’st+4- Finisce qui. La Juventus vince la XXV edizione del Trofeo Berlusconi, ma entrambe le squadre escono dal campo soddisfatte. Test positivo per i bianconeri, che hanno messo in mostra tanti giovani interessanti, buona prova anche per la squadra di Stroppa, che ha tenuto bene il campo al cospetto di una squadra che - pur rimaneggiata - ha fatto vedere buone cose con alcuni tra i suoi giocatori più rappresentativi

45’st+3- Fallo a metà campo per la Juve, che amministra questi ultimi secondi di gioco

45’st+2- Monza in possesso palla

45’st+1- Corner del Monza dalla sinistra con Scozzarella, la Juve si rifugia in fallo laterale

45’st- Quattro minuti di recupero

43’st- Proprio D’Alessandro esce per far posto a Siatounis

42’st- GOL DEL MONZA! Cross dalla sinistra di Scozzarella sul secondo palo, dove Colpani di testa appoggia in mezzo per D’Alessandro che da due passi la mette dentro

39’st- Come nel primo tempo, il Monza chiude in avanti e con un prolungato possesso palla. . Marques là davanti è il primo a portare pressione ai difensori biancorossi, dai cui piedi parte spesso la manovra

37s’t- Ritmi inevitabilmente p ù blandi in questa fase del match e reparti più distanti, da una parte e dall’altra

Anche l'ex capitano del Monza Andrea D'Errico allo stadio. Non poteva mancare, nonostante il recente trasferimento al Bari. Per lui un coro dedicato dagli ultras e un sacco di foto con i tifosi biancorossi (foto Diego Marturano)

Anche l'ex capitano del Monza Andrea D'Errico allo stadio. Non poteva mancare, nonostante il recente trasferimento al Bari. Per lui un coro dedicato dagli ultras e un sacco di foto con i tifosi biancorossi (foto Diego Marturano)

35’st- Arriva il momento di Hajdari, staffetta con De Sciglio

31’st- Aké largo sulla destra prova il doppio passo che non inganna Samiprisi: palla in corner, ma poi la Juve ricomincia da dietro

29’st- Arriva il momento di Scozzarella, diventato papà in settimana. Gli lascia il posto Barillà

Giovanni Stroppa

Giovanni Stroppa

28’st- Occasione pericolosa Juve, con Di Gregorio bravo in uscita su Correira

26’st- De Sciglio mette giù Colpani, punizione Monza battuta dallo stesso “Flaco”, che però spara nel mucchio

24’st- Il Monza mette la testa nella trequarti juventina con Colpani, che per due volte tenta di sfondare in fascia, e con Donati, che gira al volo un assist a mezza altezza che però non trova compagni



23’st- La Juve cambia ancora. Kulusevski ora lascia il campo e fa spazio a Marques, fuori anche Rabiot con Miretti in campo. Esce anche Ranocchia, autore del gol del vantaggio, dentro Peeters

20’st- Spizzata alta di Aké per Correira, la Juve si muove in verticale. Ma Di Gregorio controlla. I ritmi ora si sono un po’ abbassati, complici anche i tanti cambi che hanno rimodellato gli assetti in campo. Occasione ora per Kulusevski, che in area alza troppo il piatto sinistro

17’st- Cambia anche Allegri. Fuori De Ligt con Dragusin, poi Brighenti con Aké e Soulé con Correira

Pavel Nedved e Adriano Galliani poco prima del match

Pavel Nedved e Adriano Galliani poco prima del match

13’st- Fuori Machin per Valoti nel Monza. Esce anche Gytkjaer, dentro Maric, poi staffetta Carlos Augusto-Donati e Bellusci-Paletta

10’st- Ancora Juve e ancora Rabiot, con un tiro a spiovere sul secondo palo che impegna Di Gregorio: smanacciata e corner

8’st- GOL DELLA JUVENTUS- Ancora Rabiot, che ha la meglio su Bellusci e prende il largo. Sugli sviluppi dell’azione, Bellusci tenta un retropassaggio su cui si avventa Kulusevski che raddoppia

5’st- Serie di scontri duri in queste prime battute della ripresa, poi Sampirisi scivola e lascia campo a Rabiot, chiuso in area dalla scivolata di Bellusci. Angolo per gli ospiti

3’st- Corner Monza dalla destra con Colpani, la traiettoria si alza e si perde sul fondo

1’ st- Si ricomincia ed è subito girandola di cambi: Ramsey, Szczesny, Pellegrini fuori per la Juve, dentro Rugani, Perin e De Winter. Nelle file del Monza, fuori Caldirola e Brescianini, dentro Pirola e Colpani

45’pt- Finisce qui il primo tempo. Prova positiva del Monza, che si è affacciata pericolosamente in più di una circostanza nell’area della Juve. Ma sono i bianconeri a chiudere davanti grazie alle rete di Ranocchia al 13’

44’pt- Carlos Augusto di nuovo prende il fondo dalla sinistra, lascia partire un traversone sul secondo palo che D’Alessandro abbassa con uno scarico di testa per Barillà: girata alta ma Monza di nuovo intraprendente

42’pt- Il Monza chiude in avanti questo primo tempo, con la Juve quasi interamente dietro la linea della palla e i reparti molto stretti.

38’pt- Monza ora in continua pressione sull’area bianconera, senza però che la palla possa prendere traiettorie pulite verso l’area. Anche la linea difensiva resta molto alta, impedendo a Kulusevski di tentare l’affondo senza incappare nel fuorigioco

35’pt- Brutta entrata di Caldirola, che si accorge di come Soulé - uno dei più positivi di questo primo tempo - gli abbia preso il tempo. Fallo e cartellino giallo

33’pt- Ci prova ora Carlos, che rientra di destro e serve una palla tesa al centro dell’area su cui si avventa Gytkjaer in girata: palla strozzata e di fatto innocua

29’pt- Buona giocata con la suola di Machin, che va via tra due e guadagna un fallo. Anche rispetto allo scorso anno, prima della cessione in prestito al Pescara, sembra evidente anche la sua condizione fisico-atletica migliore. Il duro lavoro atletico di Stroppa a Ronzone sembra pagare anche al colpo d’occhio sui giocatori

27’pt- Ancora un assist fuori misura, questa volta di Machin, viziato dalle folate del vento

25’pt- Si è nel frattempo alzato un forte vento e l’apertura di Caldirola per Pereira prende una traiettoria strana che si perde a lato. Intanto Barillà prova il tiro a chiudere sul primo palo, ma non imprime la forza necessaria

23’pt- Il Monza ora sembra aver preso fiducia e ha alzato il baricentro, con Machin molto mobile in questa fase

20’st- Bellusci arretra su pressione di Brighenti, poi Di Gregorio sbroglia. La palla passa sulla parte sinistra della difesa, Soulé ci prova di nuovo di sinistro ma fuori misura

17’pt- Ancora Soulé si muove bene a destra, mette in mezzo per Ranocchia ma Brighenti da pochi passi sciupa malamente

14’pt- Subito un pasticcio difensivo per la Juve, che già in precedenza si era fatta cogliere impreparata sui lanci lunghi a tagliare il campo. In questo caso l’intervento di De Sciglio di testa, che appoggia dietro per Szczesny, finisce sul fondo. Corner per il Monza

13’pt- GOL DELLA JUVENTUS Da qualche momento la Juve cercava di manovrare in ampiezza. Poi Ranocchia raccoglie dal limite e fa partire un tiro a giro sul secondo palo su cui Di Gregorio non può arrivare

10’pt- Ci prova Ramsey dal limite, palla deviata e prima palla in angolo per la Juve, che ora ha il controllo del gioco

8’pt- Buon intervento aereo di De Sciglio, che interrompe il filtrante per Carlos e riparte sulla fascia, salvo poi non intendersi con Soulé

6’pt- La Juve risponde con Soulé, che affonda sulla destra e mette Brighenti in buona posizione in area. Di Gregorio respinge in uscita bassa, ma si era alzata la bandierina per il fuorigioco

3’pt- Prima doppia azione pericolosa per il Monza, che arriva con Gytkjaer a tu per tu con Szczesny: il numero 1 bianconero respinge in uscita, Brescianini coglie la palla per il tap in ma da due passi spara alto d’esterno

3’pt- Fase di palleggio della linea difensiva monzese, con la Juve che attende

1’pt- Partiti, prima palla per la Juve, in tradizionale maglia bianconera

Le squadre hanno fatto ora il loro ingresso in campo

Presente in tribuna anche il presidente del Monza, Paolo Berlusconi.

Grandissimo colpo d’occhio dello U-Power Stadium, con tribuna aperta al migliaio di spettatori annunciati e riflettori puntati su tribune e campo, dove Adriano Galliani ei è a lungo intrattenuto con Pavel Nedved, Massimiliano Allegri e la dirigenza bianconera.
Posizionato sulla linea di metà campo anche il trofeo.

Le formazioni.
Monza: Di Gregorio, Sampirisi, Bellusci, Caldirola, Pedro Pereira, Brescianini, Barillà, Machin, Carlos Augusto, D’Alessandro, Gytkjaer. A disposizione: Sommariva, Rubbi, Donati, Anastasio, Valoti, Siatounis, Scozzarella, Maric, Colpani, Palett, Pirola. All: Stroppa
Juventus: Szcesny, De Sciglio, De Ligt, Demiral, Pellegrini, Ranocchia, Ramsey, Rabiot, Kulusevski, Brighenti, Soulé. A disposizione: Pinsoglio, Perin, Rugani, Fagioli, Dragusin, Aké, Correira, De Winter, Miretti, Peeters, Marques, Hajdari. All: Allegri

C’è in palio un trofeo, ma non solo. Con il “Luigi Berlusconi”, per la prima volta a Monza in 25 edizioni, viene dato il fischio d’inizio anche al secondo tentativo di rincorsa dei biancorossi al palcoscenico della A. Un traguardo sfuggito lo scorso anno ai playoff contro il Cittadella e, almeno per una sera, cancellato dal grande entusiasmo che battezza questa ultima serata di luglio. Il nuovo Monza di Giovanni Stroppa ha cominciato a prendere forma già nelle precedenti amichevoli di Ronzone, ma è questa la sera probante per testare – se non altro – le ambizioni di una squadra in parte rinnovata, ma con il medesimo obiettivo che aveva segnato la scorsa estate.
GUARDA L’ARRIVO DELLA JUVE ALLO STADIO
https://fb.watch/75hTQonXAd/

A inizio settembre era stato Milan-Monza, a San Siro. Un incontro forse ancora più suggestivo di quello odierno, per via del contesto (San Siro) e perché il primo nel calcio di vertice di un Monza appena risalito dalla C e lanciato verso la A. Quella sera di inizio settembre finì 4-1 per il Milan, con due gol incassati dai brianzoli solamente nel finale. «Sì, sono soddisfatto. Peccato per i due gol presi nel finale», disse Brocchi alla fine. «Eravamo fermi dal 22 febbraio, abbiamo giocato solo con la Juventus Under 19», commentò dopo il lungo stop per la pandemia. «L’obiettivo è chiaro: la società vuole la promozione e noi dobbiamo lavorare per raggiungere questo obiettivo. I ragazzi sono consapevoli di quello che dobbiamo fare».

Intanto il Monza ha ufficializzato nelle scorse ore l’acquisto di Patrick Ciurria, primo acquisto in attacco della campagna biancorossa. Per l’ex Pordenone (36 presenze, 9 gol e 11 assist), 26 anni, un contratto sino al 30 giugno 2024. Nel suo curriculum 95 presenze in B e 23 gol. Ciurria ritrova Stroppa dopo l’esperienza con lo Spezia, dove si è accasato nel 2013 per rimanervi 3 anni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA