Besana in Brianza, il neo sindaco Pozzoli convoca il primo consiglio in piazza Corti
besana: consegna costituzioni (Foto by Signorini Federica)

Besana in Brianza, il neo sindaco Pozzoli convoca il primo consiglio in piazza Corti

Sarà venerdì 14 giugno, alle 21, il consiglio comunale di insediamento della nuova amministrazione di Besana in Brianza. La seduta avverrà in piazza Corti in «segno di apertura totale della casa comunale», dice il sindaco neo eletto Emanuele Pozzoli.

Sarà venerdì 14 giugno, alle 21, il consiglio comunale di insediamento della nuova amministrazione di Besana in Brianza. La seduta avverrà in piazza Corti, all’aperto «per celebrare tutto quello che abbiamo fatto, come Città nella sua interezza, per le elezioni e per il rinnovo del consiglio comunale – dice il sindaco neo eletto Emanuele Pozzoli - Portare il consiglio comunale in piazza vuole essere anche un nuovo segno di apertura totale della casa comunale».

BESANA NUOVO SINDACO EMANUELE POZZOLI

BESANA NUOVO SINDACO EMANUELE POZZOLI
(Foto by Attilio Pozzi)

Infine, data la sempre corposa partecipazione di pubblico alle prime sedute, «sistemarsi in piazza significa anche accogliere tutti coloro che vorranno assistere senza problemi di spazio». In caso di pioggia, ci si sposterà in sala consiliare.

Con il consiglio comunale di insediamento, verrà ufficialmente battezzata la nuova composizione del parlamentino locale. Che in giunta vede gli assessori (ufficialmente nominati martedì) Ermo Gallenda, anche vicesindaco, Luciana Casiraghi, Barbara Fusco, Alcide Riva e Luca Viviani. Convocati per rappresentare la maggioranza i leghisti Alessandro Corbetta, Flaviano Romanò, Paola Patrizia Riva, Roberta Carena, Davide Bruscagin e Davide Cereda (dovrebbe dimettersi, lasciando spazio a Giovanni Duca); per “Pozzoli sindaco” Alessandro Cacciatori, Gianluca Merazzi e Massimiliano Tolotta; Vittorio Gatti per “Noi. Centrodestra Besana”. Tra le fila della minoranza il sindaco non eletto Sergio Gianni Cazzaniga accanto a Maria Giovanna Tettamanzi, Fabrizio Villa e Maddalena Mauri del PD, e a Stefano Maddaloni di #besana4future. In opposizione anche Pierangelo Alfieri, sindaco non eletto della civica “Una Città in Dialogo”.

Anticipando il consiglio comunale, la prima uscita ufficiale di Pozzoli in fascia tricolore è stata domenica 2 giugno, per la Festa della Repubblica con la consegna di Costituzione, tricolore e bandiera della Lombardia (quest’ultima donata da Corbetta, anche consigliere regionale) ai nati nel 2001.
«Ragazzi, oggi è un’occasione di passaggio per me e un’occasione di passaggio anche per voi» ha detto il sindaco prima di ringraziare tutte le associazioni presenti. Alla cerimonia c’erano anche i rappresentanti di minoranze consiliari.

A un paio di settimane dalle elezioni, il nuovo esecutivo sta prendendo le misure su svariati piani di azione. Tra gli altri, quello della gestione della macchina amministrativa, che soprattutto nell’ufficio tecnico necessita di intervento: sono attualmente vacanti le posizioni di responsabile del settore Urbanistica, Edilizia privata, Ambiente, Erp e Suap, e del settore Lavori pubblici, Patrimonio e Manutenzioni. Il primo era affidato all’architetto Gianluca Della Mea, dipendente del Comune di Bergamo in aspettativa e in scadenza a Besana con il termine dell’amministrazione di Sergio Gianni Cazzaniga; il secondo affidato all’architetto Maurizio Barella, con mobilità trasferitosi nel Comune di Cesano Maderno. «Stiamo già lavorando per gestire questa vacanza, e per riorganizzare gli uffici così da renderli più efficienti fin da subito» dice Pozzoli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA