Autopsia sulla ragazza di Sovico trovata morta in un camper a Monza
Il camper dove è stato trovato il cadavere della ragazza di Sovico

Autopsia sulla ragazza di Sovico trovata morta in un camper a Monza

Sarà forse l’autopsia in programma martedì a dare risposte sulle cause del decesso della 26enne di Sovico trovata cadavere venerdì mattina in un camper posteggiato in piazza Castello, a Monza. Si sospetta un’overdose.

Sarà forse l’autopsia, chiesta dal sostituto procuratore di Monza Emma Gambardella e in programma martedì, a dare risposte sulle cause del decesso della 26enne di Sovico trovata cadavere venerdì mattina in un camper posteggiato in piazza Castello, a Monza. Si sospetta che la morte possa essere stata determinata da una overdose, forse di eroina, ma sul vecchio camper targato Milano gli investigatori, i carabinieri della Compagnia di Monza, non hanno trovato tracce di stupefacenti nè di siringhe.

Ad accorgersi dell’accaduto, il fidanzato della ragazza, un 29enne di Cinisello Balsamo , che ha dato l’allarme. Sarebbe stato lui stesso ad ammettere davanti ai carabinieri che con la 26enne faceva uso di stupefacenti. Di qui l’ipotesi che proprio la droga possa aver determinato il decesso. Escluse altre ipotesi: sul corpo della vittima non sono stati trovati segni di violenza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA