Aria, a Monza e in Brianza 100 campionatori di biossido d’azoto su scuole e provinciali
Campagna No2 No Grazie aderisce la Provincia

Aria, a Monza e in Brianza 100 campionatori di biossido d’azoto su scuole e provinciali

Anche la Provincia MB ha aderito alla campagna “NO2 NO Grazie” promossa dall’associazione “Cittadini per l’aria Onlus” per le rilevazioni diffuse del biossido d’azoto. Campionatori installati in 29 scuole e sulle provinciali.

La Provincia MB, “unica in Italia” sottolinea l’Ente, ha aderito alla campagna “NO2 NO Grazie” promossa dall’associazione “Cittadini per l’aria Onlus” e sono 29 gli edifici scolastici della Brianza che parteciperanno al progetto di scienza partecipata per coinvolgere anche i cittadini nella misurazione della qualità dell’aria. Aderisce anche il comitato Aria Pulita Monza.

LEGGI Aria e inquinamento, i monzesi fanno da soli: autorilevazioni diffuse del biossido d’azoto, ecco come

Ventuno gli istituti che hanno risposto all’appello della Provincia MB con l’Ufficio scolastico territoriale: il Biossido di Azoto (NO2) è uno degli inquinanti fra i più pericolosi per la salute e la sua presenza nell’aria è strettamente correlata alle emissioni generate dal traffico veicolare.

Il presidente Luca Santambrogio ha così distribuito 73 campionatori passivi, contemporaneamente sono installati misuratori anche in 27 punti lungo alcune strade provinciali tra cui diverse con volumi di traffico elevati.

Campagna No2 No Grazie aderisce la Provincia

Campagna No2 No Grazie aderisce la Provincia

Perché la Provincia MB ha aderito alla Campagna “NO2 NO Grazie”? La Provincia è in fase di definizione delle linee di indirizzo del Piano Urbano per la mobilità sostenibile e ha ritenuto di anticipare alcune azioni parallele coinvolgendo attivamente le istituzioni scolastiche per individuare le correlazioni tra inquinanti e volumi di traffico e intervenire di conseguenza.

La campagna, al via l’8 febbraio, si concluderà l’8 marzo 2020 e i dati raccolti dai campionatori saranno elaborati dai ricercatori del Comitato Scientifico del progetto dando vita ad un database che verrà messo a disposizione degli aderenti che avranno così uno strumento utile per la percezione puntuale delle aree critiche.

“Ringraziamo le scuole che in pochi giorni hanno dato disponibilità a partecipare alla campagna: lo considero un gesto coraggioso perché significa prendersi una responsabilità verso il nostro territorio partecipando ad una azione concreta che servirà a conoscere meglio cosa respiriamo tutti i giorni. – spiega il Presidente Luca Santambrogio. La Brianza ha dei primati negativi in tema di qualità dell’aria e del consumo del suolo: sappiamo che servono azioni mirate e una diversa pianificazione del territorio e della mobilità. Questa campagna ci offre un elemento di conoscenza in più dei luoghi più sensibili che utilizzeremo nella definizione delle azioni da realizzare attraverso il nostro Piano Urbano per la mobilità sostenibile.”.

Partecipano 12 scuole superiori, 10 istituti comprensivi statali e 1 scuola comunale. Ecco quali: Liceo scientifico A.Banfi di Vimercate; IIS L.Castiglioni di Limbiate; IPSSCTS Lorenzo Milani di Meda; ITSCG Primo Levi; IIS Martino Bassi, Liceo Parini (sede), Liceo Parini (succursale), Liceo Parini (succursale) di Seregno; Liceo Parini (succursale) di Lissone; IC “Enrico Toti” di Lentate sul Seveso; IC Albiate Triuggio (primaria) di Albiate; IC Verano Brianza (primaria); IC Moro di Seregno; IC Via Agnesi di Desio; Istituto Paccini di Sovico; Liceo Scientifico-Classico-Linguistico “ MARIE CURIE di Meda; Istituto Comprensivo Statale “M.Ricci“ di Lazzate; Istituto A. Mapelli di Monza; IC Albiate Triuggio (secondaria) di Albiate; IC Verano Brianza (secondaria) di Verano Brianza; Istituto Comprensivo Statale “A. Diaz” di Meda; IC Via Correggio (installazione in 4 plessi) di Monza; IIS M.L.King di Muggiò; Scuola infanzia comunale paritaria di Concorezzo; Liceo Artistico Modigliani di Giussano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA