Accusato di frode fiscale, sequestrata una villa da 435mila euro a un imprenditore di Seregno
La guardia di finanza

Accusato di frode fiscale, sequestrata una villa da 435mila euro a un imprenditore di Seregno

Il sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, è stato eseguito su mandato del giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Monza. Secondo quanto appurato l’imprenditore avrebbe sottratto imposte per 335mila euro.

I militari della Guardia di finanza del Comando provinciale di Monza e Brianza - Compagnia di Seregno - hanno dato esecuzione a un sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, di una villa a San Colombano al Lambro, tra le province di Lodi e Pavia, del valore stimato di 435mila euro, appartenente a un imprenditore di Seregno che opera nell’edilizia, indagato per una frode fiscale. Il decreto è stato emesso dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Monza.

Secondo quanto riferito dalle fiamme gialle, nel corso di attività ispettive e successive indagini coordinate dalla Procura è stato accertato che l’imprenditore seregnese, negli anni di imposta dal 2014 al 2016 avrebbe utilizzato false fatture per documentare costi per acquisti e prestazioni fittizie per oltre 735mila euro: «riuscendo così a sottrarre illecitamente all’erario imposte per circa 335mila euro». Il soggetto è stato denunciato per dichiarazione fraudolenta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA