A Desio l’evento di Impresa Azzurra tra difesa della famiglia e ddl Zan
Desio evento famiglia

A Desio l’evento di Impresa Azzurra tra difesa della famiglia e ddl Zan

In occasione della giornata internazionale della famiglia, a Desio si è tenuto un evento organizzato dall’associazione Impresa Azzurra per discutere dell’istituzione e di ddl Zan.

Sabato 15 Maggio, in occasione della giornata internazionale della famiglia, a Desio si è tenuto un evento organizzato dall’associazione Impresa Azzurra confederata di Unimpresa e coordinato da Gianni Alfano e Vincenzo Caserta. Tra gli ospiti il coordinatore regionale del Popolo della famiglia Andrea Cavenaghi che ha evidenziato “come oggi l’istituzione sia fortemente sotto attacco e come il ddl Zan rischi di comprometterne la forma e l’integrità”, e Giuseppe Parisi, uno dei dirigenti dell’associazione “Amici di Cristina onlus” dedicata alla ragazza che adolescente e consapevole di essere malata scelse di rifiutare le cure per far nascere il bambino di cui era incinta.

Desio evento famiglia

Desio evento famiglia

All’evento sono intervenuti il presidente dell’Associazione “Impresa Azzurra e dei giovani imprenditori di Unimpresa” Carmelo Gangi e Rosario Mancino, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, che ha ribadito fortemente la vicinanza del partito all’argomento, alle associazioni organizzatrici e che lo sostengono.

“La famiglia rimane il bene più prezioso di tutti e ogni uno di noi deve fare il possibile per difendere questo pezzo importantissimo della nostra vita - dicono gli organizzatori - Molte le criticità emerse sul ddl in discussione che vuole integrare la legge Mancino estendendo le pene per i reati tutelati dalla legge anche a quelli di intolleranza legati ad omofobia, ma che risulta scritto male, non precisa qual è il limite perché un azione venga considerata violenza e estende le pene a 6 anni per chi commette il reato. Inoltre introdurrebbe in via definitiva l’insegnamento delle teorie gender già dalle scuole elementari mettendo a rischio l’integrità e l’istruzione dei nostri figli, impedendo ai genitori di opporsi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA