Monza, Acinque approva il piano industriale 2023-2027: obiettivo sviluppo sostenibile

Previsti investimento complessivi per 377 milioni di euro, il 60% destinati ad attività correlate ad obiettivi per lo sviluppo sostenibile
Marco Canzi e Paolo Soldani di Acinque

Qui si punta senza incertezze a un’idea di sviluppo sostenibile. Un obiettivo che Acinque intende raggiungere grazie a un piano industriale che nel periodo 2023-2027 prevede investimenti complessivi per 377 milioni di euro. Il Consiglio di amministrazione della società, infatti, ha approvato martedì il nuovo piano industriale valido per i prossimi cinque anni. Il piano, viene precisato, in coerenza con i precedenti piani strategici, vuole realizzare un modello di sviluppo sostenibile, che si realizzi attraverso le diverse iniziative volte alla transizione energetica, all’economia circolare, alla digitalizzazione e all’uguaglianza di genere.

Piano industriale di Acinque: investimenti per 377 milioni di euro

«I notevoli incrementi dei prezzi e dei tassi di interesse che caratterizzano l’attuale contesto hanno imposto – spiega la società -, anche in considerazione dei conseguenti elevati livelli di capitale circolante netto, una qualificata selezione degli investimenti. Il valore dei progetti correlati a specifici obiettivi per lo sviluppo sostenibile è importante e pari a 276 milioni di euro, di cui 226 milioni di euro di investimenti riferiti al Gruppo e 50 milioni di euro connessi a interventi di efficientamento e riqualificazione energetica presso terzi. Il piano industriale 2023-2027 prevede complessivamente investimenti pari a 377 milioni di euro, che garantiscono valore e continuità nel lungo termine per tutti i territori nei quali il Gruppo opera. Il Gruppo mantiene una forte attenzione agli azionisti prevedendo un pay out medio in arco piano intorno al 90% del risultato netto di Gruppo».

Piano industriale di Acinque: “Il 60% degli investimenti per lo sviluppo sostenibile”

«Pur nel contesto di una fase critica, caratterizzata dalle incerte dinamiche dei mercati energetici e finanziari – evidenziano Marco Canzi e Paolo Soldani, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Acinque – , il nostro Gruppo prosegue nel cammino di crescita sostenibile a beneficio dei territori in cui opera. Il Piano Industriale 2023-2027 conferma ancora una volta l’impegno nel raggiungimento degli obiettivi nella transizione energetica, nell’economia circolare, nella digitalizzazione, nell’uguaglianza di genere insieme a quelli di carattere finanziario. Ben il 60% degli investimenti in arco piano è destinato ad attività correlate ad obiettivi per lo sviluppo sostenibile: vogliamo mettere a terra progetti concreti per contribuire alla lotta al cambiamento climatico, sempre mettendo al primo posto la generazione di valore per i territori in cui operiamo e dei quali siamo espressione».