Giovane donna incinta denunciata per furto all’Esselunga di Paina di Giussano

La ventiquattrenne, al sesto mese di gravidanza, ha origini romene e risiede a Milano, nella zona di piazza Selinunte. Nel suo passato, figurano numerosi precedenti penali
I carabinieri in un’immagine di repertorio

Intervento dei carabinieri della stazione di Carate Brianza nel pomeriggio di venerdì 18 novembre all’Esselunga di Paina di Giussano, dove un addetto alla sicurezza aveva appena fermato una giovane donna, la quale, con un carrello debordante di prodotti da bagno e generi alimentari, aveva superato la barriera delle casse e, con nonchalance, si stava tranquillamente dirigendo verso le porte scorrevoli dell’uscita.

Carabinieri: gli accertamenti in caserma

Una volta in caserma, durante gli accertamenti, è emerso che la donna, una ventiquattrenne di origini romene, ma da tempo residente a Milano, nella zona di piazza Selinunte, con svariati precedenti per reati contro il patrimonio, è incinta al sesto mese. La stessa è stata infine denunciata per furto.

Carabinieri: un migliaio di euro il valore della merce

Tra la merce trovata nel carrello, grosse quantità di prodotti da bagno, come shampoo, bagnoschiuma, lamette da barba ed altro, e numerosi dolci della stessa tipologia, verosimilmente prelevati per la successiva vendita in nero. Il valore complessivo è stato stimato in un migliaio di euro, di cui oltre 500 euro solo per le lamette da barba.