Senago, la cronometro consacra maglia rosa Egan Bernal: Damiano Caruso secondo. Ecco i big mentre passano a Paderno
Il passaggio di Bernal a Paderno (Foto by Pier Mastantuono)

Senago, la cronometro consacra maglia rosa Egan Bernal: Damiano Caruso secondo. Ecco i big mentre passano a Paderno

La tappa conclusiva del Giro d’Italia è partita da Senago sviluppandosi nell’hinterland milanese per poi arrivare in piazza Duomo. Il colombiano ha perso 30 secondi da Caruso ma ha mantenuto agevolmente la maglia rosa

Tredici anni fa la tappa con partenza da Cesano Maderno che aveva incoronato Alberto Contador. Oggi la cronometro in partenza da Senago che ha regalato definitivamente il Giro d’Italia a Egan Bernal. Forte del vantaggio di quasi due minuti su Damiano Caruso ha corso in sicurezza aggiudicandosi la maglia rosa. Terzo Simon Yates.

Ganna, vincitore della tappa

Ganna, vincitore della tappa
(Foto by Pier Mastantuono)

La cronometro ha portato i corridori lungo via San Bernardo, via Garibaldi, via Mazzini, via don Rocca, via XXIV Maggio, via Mascagni e proseguendo verso Garbagnate.

Damiano Caruso in località Battiloca

Damiano Caruso in località Battiloca
(Foto by Pier Mastantuono)

La corsa dopo poche centinaia di metri è rientrata sul territorio comunale dalla strada provinciale 119 per poi sivulpparsi lungo il tratto più a sud di via De Gasperi e, dopo la svolta a sinistra a Traversagna, via Lombardia per raggiungere la Comasina all’altezza di Cascina Battiloca e attraversare il territorio di Paderno Dugnano nella zona del Villaggio Ambrosiano. E poi via verso Milano attraversando Cusano, Bresso, Cinisello Balsamo e Sesto.

Vincenzo Nibali  lungo la Comasina

Vincenzo Nibali lungo la Comasina
(Foto by Pier Mastantuono)

Una domenica di festa, insomma, nel Nord Milano tra Senago, Bollate e Paderno Dugnano per il passaggio della 21esima e ultima tappa del Giro d’Italia edizione 104.Applauditissimo anche Vincenzo Nibali. La tappa è stata vinta dal campione del mondo a cronometro Fiippo Ganna.


© RIPRODUZIONE RISERVATA