Pallavolo: Vero Volley al Paladesio esaurito contro Modena di zar Zaytsev
Volley Vero Volley Superlega Monza Modena nel 2018: muro contro Zaytsev - foto Verovolley.com

Pallavolo: Vero Volley al Paladesio esaurito contro Modena di zar Zaytsev

Un Vero Volley che torna a esibirsi in Brianza, al PalaDesio, domenica 1 dicembre alle 18, con l’obiettivo di sfornare la gara perfetta contro la Leo Shoes Modena di capitan Ivan Zaytsev.

Un Vero Volley che torna a esibirsi in Brianza, al PalaDesio, domenica 1 dicembre alle 18, con l’obiettivo di sfornare la gara perfetta contro la Leo Shoes Modena di capitan Ivan Zaytsev. Quasi tutto esaurito per l’occasione (ultimi 200 biglietti ancora disponibili a venerdì)

Monza, dopo un avvio di stagione altalenante in Superlega maschile, domenica scorsa ha sfatato il tabù Calzedonia Verona (primo successo di sempre dei brianzoli in terra scaligera) e poi nell’infrasettimanale ha perso per 3-1 sul campo della capolista Lube Cucine Civitanova. Tanti motivi, dunque, per non perdere l’atteso match della decima giornata approfittando della partita a pochi chilometri dal capoluogo brianzolo.

«Siamo carichi per il primo successo sul campo di Verona, squadra tosta, una nostra avversaria diretta – racconta Thomas Beretta, capitano del Vero Volley –. Con la Calzedonia, se guardiamo il 3-0 finale, va detto che un risultato così “secco” è stato inaspettato. Ci si poteva immaginare una partita più tirata, magari un tie-break, ma ciò che conta è come sia maturata la vittoria. Pienamente meritata, eseguendo alla perfezione, nei singoli e nel gioco di squadra, ciò che avevamo preparato».

Proprio su questo punto, l’amalgama nei meccanismi di squadra, specialmente dopo il rientro in cabina di regia di Santiago Orduna (out le prime quattro giornate per squalifica) si sofferma il centrale di Vimercate.

«L’inizio è stato duro, ma adesso stiamo crescendo – analizza il giocatore classe 1990 –. Kurek? Beh a Verona ha fatto 19 punti, e già nelle partite precedenti ha sfornato ottime prestazioni. Siamo una squadra costruita intorno a un opposto così forte, è un intoccabile nel roster. Ma anche gli altri stanno facendo ottime prestazioni: Donovan (Dzavoronok, ndr) dopo un inizio così e così ha preso un buon ritmo, e in palleggio se Tommy (Calligaro, ndr) ha fatto il suo quando chiamato in causa a inizio stagione, ma con Santiago abbiamo un altro ritmo e possiamo spingere al massimo questa squadra».

Monza-Modena di domenica è una partita dal sapore speciale. Per il blasone dei “gialli”, per il livello degli atleti in campo, per gli “ex” della partita (Beretta, una stagione in Emilia nel 2013-14, come Orduna, nel 2016-17). Che partita sarà? «Come tutte le con le “big” servirà lo spirito giusto, sono match belli da giocare che noi attendiamo con piacere. Chiaro, Modena sembra non avere punti deboli, ma in questa fase dobbiamo concentrarci più su di noi che sull’avversario – racconta il capitano monzese –. Sul piano tecnico, la correlazione muro-difesa sarà un fattore chiave per non farli “scappare”. Per il resto spero che giocando a Desio ci sia una bella cornice di pubblico, ne abbiamo bisogno. E magari faremo lo “sgambetto” a Zaytsev e compagni, come già lo scorso anno». In 12 precedenti, tutti in massima serie, infatti, due successi dei brianzoli (sempre al PalaPanini), entrambi con risultato di 3-1: nell’ultima incrocio tra le due squadre (il 3 marzo 2019) e nell’andata dell’annata 2016-17.

Un tris di vittorie consecutive, l’ultima dall’elevato peso specifico sul campo della Igor Gorgonzola Novara (in quattro set), accompagna invece la Saugella Monza che domenica affronterà in casa (a Cinisello Balsamo alle 17) la Banca Valsabbina Millennium Brescia con l’intento di allungare una striscia di risultati favorevoli essenziale per recuperare terreno in Serie A1.


© RIPRODUZIONE RISERVATA