Calcio Serie D: il Seregno batte il Fanfulla, risolve Alessandro su rigore
Danilo Alessandro esulta, lanciando in alto il pallone, dopo il rigore decisivo (Foto by Paolo Colzani)

Calcio Serie D: il Seregno batte il Fanfulla, risolve Alessandro su rigore

Un calcio di rigore di Alessandro poco prima del quarto d’ora del secondo tempo risolve la partita del Ferruccio, in serie D, a favore del Seregno: sconfitto il Fanfulla. La squadra di França torna in testa alla classifica.

Un calcio di rigore trasformato in avvio di ripresa da Alessandro ha permesso a França di cominciare con il piede giusto la sua avventura sulla panchina del Seregno. Sconfiggendo 1-0 al Ferruccio il Fanfulla, in coda ad una partita scorbutica, gli azzurri sono così saliti momentaneamente al primo posto in classifica nel campionato di serie D, a quota 41 punti, uno in più della Casatese, costretta a rinviare la sua trasferta a Brusaporto per i casi di positività al coronavirus emersi nella squadra orobica.

Il match, molto temuto alla vigilia nell’ambiente locale, ha visto França confermare inizialmente l’assetto tattico già sperimentato la settimana precedente a Sona, imperniato sul 3-5-2, con Bruzzone, al debutto interno, ad affiancare dietro Tomas e Borghese. Il primo squillo lo hanno suonato gli ospiti al 13’, quando Bertelli ha concluso di sinistro da centro area, ma Lupu è stato pronto alla parata. Al 26’ Alessandro ha sfondato sulla destra e calciato di potenza in diagonale, trovando l’opposizione in tuffo di Cizza. Al 36’ un lungo cross di Poletti dalla destra ha tagliato l’intera area lodigiana, con Tentoni che dall’altra parte ha provato il tocco di sinistro in spaccata, che ha fatto terminare la palla fuori non di molto all’altezza del palo lontano.

Un tentativo offensivo del Seregno nel primo tempo

Un tentativo offensivo del Seregno nel primo tempo
(Foto by Paolo Colzani)

Tempo 2’ e Tentoni ha servito Alessandro, che in corsa ha ciabattato debolmente, consentendo a Cizza di neutralizzare. Al 39’, Poletti ha imbeccato Ricciardo, sul quale provvidenziale è stata l’uscita bassa in chiusura di Cizza. Dopo lo 0-0 all’intervallo, la svolta è maturata all’11’ della ripresa, quando Alessandro Baggi ha tamponato Alessandro, lanciato da solo verso Cizza. L’arbitro Bracaccini di Macerata ha concesso la massima punizione e cacciato per somma di ammonizioni il difensore, per il quale i brianzoli avevano già chiesto invano il secondo cartellino giallo prima del riposo, per un fallo non ravvisato su Zoia. Dal dischetto, Alessandro è stato implacabile ed ha spiazzato Cizza.

Il sipario è poi sceso con largo anticipo al 29’, quando Serbouti è stato protagonista di un’entrata molto brutta all’altezza della linea laterale ai danni di Tentoni, obbligando il direttore di gara ad estrarre il cartellino rosso diretto. Con due uomini in più, il Seregno ha amministrato con tranquillità, non concretizzando al 35’ ed al 42’ due ghiotte opportunità con Mihaljevic, subentrato a Ricciardo. «Questa era la partita più difficile che ci potesse capitare oggi» ha commentato França, fermatosi brevemente a parlare con i tifosi all’uscita dallo stadio Ferruccio.

Seregno-Fanfulla 1-0
Marcatore: 12’ st Alessandro (S) su rigore.

Seregno: Lupu; Tomas, Borghese, Bruzzone; Poletti (26’ st Invernizzi), Aga (18’ st Jimenez), Bonaiti, Tentoni (33’ st Da Silva), Zoia; Ricciardo (23’ st Mihaljevic), Alessandro. A disp.: Colantonio, Pozzoli, Zanon, Ferrari e Lazzaroni. All.: França.

Fanfulla: Cizza; A. Baggi, Serbouti, Pascali, Bernardini; Bertelli (26’ st Brognoli), Laribi (7’ st Lillo), Palmieri; Qeros (32’ st Agnelli), De Angelis (16’ st Anastasia), Cirigliano (16’ st Spaneshi). A disp.: Carriello, Fabiani, F. Baggi e Mouddou. All.: Sesto (Ciceri squalificato).

Arbitro: Bracaccini di Macerata.

Note: ammoniti Bruzzone (S), Zoia (S), Bertelli (F) e Brognoli (F), tutti per gioco falloso; espulsi A. Baggi (F) all’11’ st per somma di ammonizioni (entrambe per gioco falloso) e Serbouti (F) al 29’ st per fallo su Tentoni. Calci d’angolo: 5-4 per il Seregno. Recuperi: 0’ pt, 4’ st.


© RIPRODUZIONE RISERVATA