Seregno: più di 500 persone ai funerali del ragazzo morto travolto da un treno
La folla di compagni di scuola e amici (Foto by Paolo Volonterio)

Seregno: più di 500 persone ai funerali del ragazzo morto travolto da un treno

A Seregno i funerali del 17enne che ha perso la vita in stazione: più di 500 persone e tanti compagni di classe dell’Istituto Levi. Una foto di classe sulla sua bara.

Il funerale del 17enne morto sui binari della stazione a Seregno è stato celebrato venerdì 23 settembre in basilica San Giuseppe, gremita all’inverosimile di studenti dell’istituto Levi, con in testa la dirigente Rita Troiani e tutto il corpo docente, molti anche gli amici e i conoscenti della famiglia. Al dolore composto della famiglia, che ha seguito in lacrime il feretro, ha fatto da contraltare il dolore, colorato e chiassoso, di compagni di scuola e amici.

Dopo la cerimonia, l’uscita della bara sul sagrato è stata accompagnata dalle note della canzone preferita di Giuseppe, “Vita spericolata” di Vasco Rossi. I compagni di scuola e amici lo hanno voluto ricordare in due modi: prima hanno letto un testo dove lo ricordano come «un ragazzo sincero, che diceva sempre le cose in faccia ma sapeva fare gruppo»; poi hanno deposto una foto di classe e, ciascuno, una rosa bianca sulla bara bianca.

LEGGI l’incidente in stazione

LEGGI le indagini

La messa, alla quale hanno partecipato più di 500 persone, è stata officiata dal prevosto monsignor Bruno Molinari che all’omelia ha detto: «La tua partenza ci ha lasciato choccati e sgomenti, ci ha messo in cuore un’infinita tristezza, ci ha suscitato domande angoscianti sul perché può morire un ragazzo che aveva appena cominciato a gustare la gioia della vita. La morte di un giovane ci sembra umanamente inaccettabile, come lo è il cadere di un fiore prima che possa dare frutti, come lo è un brusco tramonto quando è ancora l’alba dell’esistenza».

Il sacerdote ha poi concluso: «E ora vorrei anche consegnare una parola in particolare a tutti voi ragazzi che oggi siete qui profondamente scossi e turbati. Questa morte vi aiuti a riflettere sul significato della vita: è un dono grande che non ci appartiene, che riceviamo con gratitudine e che dovremmo spendere con generosità facendo il meglio che ci è possibile. È un dono bello e fragile di cui ci rendiamo conto soprattutto quando ci sfugge tra le mani».


© RIPRODUZIONE RISERVATA