Seregno ha un nuovo vicesindaco: è Roberto Marini, 48 anni
Roberto Marini, a sinistra, con l'uscente Gigi Pelletti (Foto by Paolo Colzani)

Seregno ha un nuovo vicesindaco: è Roberto Marini, 48 anni

Il Comune di Seregno ha scelto il sostituto di Gigi Pelletti: si tratta di Roberto Marini, 48 anni, ingegnere ed esponente della lista civica “Ripartiamo Insieme”.

Seregno avrà da martedì 20 aprile un nuovo vicesindaco. Dopo le dimissioni di Gigi Pelletti, annunciate per motivi personali una decina di giorni fa in consiglio comunale, la scelta è caduta su altro esponente della civica Ripartiamo Insieme, Roberto Marini, 48 anni, ingegnere, impegnato in ambito professionale nella gestione tecnico-organizzativa di progetti nel settore immobiliare, originario dell’alta Val di Susa e residente in città dal 2000. L’annuncio è arrivato in una conferenza stampa, ospitata lunedì 19 aprile dal palazzo Landriani-Caponaghi di piazza Libertà. Marini erediterà le deleghe assessorili di cui Pelletti si era occupato in questa prima parte della legislatura, inerenti i settori delle politiche ambientali, della Smart City e dell’innovazione digitale. «Nel momento in cui Pelletti ha comunicato le sue dimissioni -ha commentato il sindaco Alberto Rossi-, avevamo detto che si sarebbe proceduto in continuità e senza interim e così è stato. Avevamo delineato un identikit del nuovo vicesindaco e Roberto risponde perfettamente alle caratteristiche tracciate. Lo conosco personalmente e sono molto contento della sua decisione di mettersi al servizio dell’amministrazione comunale e, soprattutto, della comunità. Inizierà ufficialmente il suo percorso domani, mentre Gigi terminerà il suo oggi».

Roberto Marini con Alberto Rossi

Roberto Marini con Alberto Rossi
(Foto by Paolo Colzani)

Dal canto suo, Marini, sposato, padre di tre figli e componente del direttivo dell’Asd oratorio San Rocco, non ha nascosto il suo entusiasmo: «Il mio interesse per l’attività politica è cominciato tra il 2012 ed il 2013, con il gruppo di Ripartiamo. Ho contribuito alla stesura di un progetto che ha ricevuto una buona adesione da parte della popolazione, lavorando anche al fianco di Gigi. Di lui ho sempre ammirato l’umiltà e la capacità di mettersi in gioco. Conto di fare del mio meglio per i progetti già avviati e che ora vanno portati avanti». Ed ancora: «Per me sarà la prima esperienza amministrativa e, come sempre, vivrò con entusiasmo questa che ritengo una startup. Affronto la sfida con curiosità. In campo lavorativo, mi occupo di progetti di rigenerazione urbana e gli assessorati che mi sono stati affidati riguardano settori che mi appassionano. Sono molto interessato all’agenda 2030, per disegnare il futuro di Seregno. Credo che ci siano le condizioni per fare bene». Il cerchio degli interventi lo ha chiuso l’uscente Gigi Pelletti: «C’è grande soddisfazione per la scelta, perché il sindaco sta mettendo la persona giusta al posto giusto. Marini è un amico, con cui ho condiviso l’esperienza della lista civica, forte di un curriculum di spessore. Ha tra l’altro curato lo scorso anno la riconversione di un padiglione dell’ospedale Sacco di Milano, a beneficio dei contagiati dal Covid 19. Questo penso sia un tratto che contraddistingue le sue capacità». La chiosa è stata esplicita: «La designazione di Marini è avvenuta all’unanimità all’interno della lista ed in tempi relativamente brevi. Ringrazio il sindaco per aver accolto la proposta e per la fiducia che ha accordato a Marini ed indirettamente a Ripartiamo Insieme».


© RIPRODUZIONE RISERVATA