Monza, sicurezza: il prefetto invoca massima attenzione per la stazione e dintorni, in settimana chiude  il sottopasso di corso Milano
Monza Stazione Fs Controlli polizia di stato (Foto by Fabrizio Radaelli)

Monza, sicurezza: il prefetto invoca massima attenzione per la stazione e dintorni, in settimana chiude il sottopasso di corso Milano

Riunito in prefettura il Comitato ordine e sicurezza pubblica : il prefetto Patrizia Palmisani ha chiesto di fare gioco di squadra per evitare una riorganizzazione del mercato degli stupefacenti e garantire decoro alla zona.

Tanto si è fatto per la stazione ferroviaria di Monza e i suoi dintorni, dal punto di vista della sicurezza, ma non si può purtroppo mollare la presa. L’ha detto chiaramente il prefetto di Monza e Brianza Patrizia Palmisani all’esito di un incontro del Comitato ordine e sicurezza pubblica, in prefettura, a Monza. Una riunione proprio per analizzare la situazione della sicurezza della zona, tornata nelle ultime settimane decisamente turbolenta. Il primo provvedimento sarà la chiusura entro questa settimana del sottopasso pedonale di corso Milano, divenuto un luogo frequentato da tossici e sbandati.

LEGGI Monza, droga e spaccio nel sottopassaggio di corso Milano: «Adesso muratelo»

«Il mercato degli stupefacenti non è scomparso ed è prevedibile che si stia riorganizzando» - dice Palmisani ricordando gli ottimi risultati in termini di lotta e prevenzione al fenomeno registrati nel recente passato. «E’ necessario intervenire tempestivamente per contrastare ogni segnale di recrudescenza del fenomeno» ha aggiunto.

Ha inoltre rilevato la necessità di contrastare anche il degrado della zona : «con interventi di pulizia e riqualificazione, perché sicurezza e decoro di una città sono due facce delle stessa medaglia». Quindi ha invitato le istituzioni a fare gioco di squadra. Un appello ben accolto dal sindaco Dario Allevi e dall’assessore alla sicurezza Federico Arena che hanno confermato la massima collaborazione della polizia locale nel presidio del territorio, come già avvenuto sinora anche con l’introduzione di un presidio fisso.


© RIPRODUZIONE RISERVATA