Capodanno: botti vietati anche ad Arcore e Desio
Desio capodanno no botti

Capodanno: botti vietati anche ad Arcore e Desio

Botti vietati ad Arcore dal 30 dicembre a tutto l’1 gennaio. L’ordinanza è stata firmata sabato dal sindaco Rosalba Colombo e si aggiunge a quelle siglate da Monza e Lissone. “Botti: no grazie” anche a Desio.

Botti vietati ad Arcore dal 30 dicembre a tutto l’1 gennaio. L’ordinanza è stata firmata sabato dal sindaco Rosalba Colombo e si aggiunge a quelle siglate da Monza e Lissone (che li vieta fino al 6 gennaio).

LEGGI Monza e Lissone firmano le ordinanze “anti botti” nella settimana di capodanno

Arcore vieta l’utilizzo di botti e petardi di qualsiasi tipo e di fuochi d’artificio, mortaretti o altri materiali che possono esplodere in luogo pubblico o aperto al pubblico e anche in luogo privato se le conseguenze possono essere su luogo pubblico “o di privato non consenziente”. Previste sanzioni da 25 a 150 euro.

Oltre che per la sicurezza di persone e animali domestici, l’ordinanza ha anche un impatto ambientale “con particolare riferimento al Pm10”.

LEGGI Capodanno e dintorni a Monza e in Brianza: idee e appuntamenti in piazza

Tra i comuni anti-botti c’è anche Desio. Il comune ricorda ai cittadini il divieto di sparare botti a Capodanno, per tutelare la sicurezza delle persone e degli animali e per rispettare l’ambiente. Chi trasgredisce viene punito con una salata multa.

A Milano e Bergamo, i sindaci hanno vietato i botti ma anche lo spray al peperoncino.

Desio capodanno no botti

Desio capodanno no botti


© RIPRODUZIONE RISERVATA