A Monza controlli straordinari della Polizia di Stato nelle “zone calde”, espulso un 34enne gambiano
Servizio controlli Polizia di Stato (foto Questura)

A Monza controlli straordinari della Polizia di Stato nelle “zone calde”, espulso un 34enne gambiano

Gli agenti giovedì sera hanno passato al setaccio largo Mazzini, corso Milano e via Arosio, le zone più “calde” della città. Impegnati operatori di vari uffici della Questura. Sono state controllate 34 persone tra le quali 14 stranieri.

Conrollo straordinario della Polizia di Stato giovedì 14 gennaio in serata, a Monza, per il contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa, furti e spaccio di sostanze stupefacenti. Gli agenti hanno passato al setaccio largo Mazzini, corso Milano e via Arosio, le zone più “calde” della città.

Impegnati operatori di vari uffici della Questura, dai reparti investigativi a quelli specializzati nel controllo del territorio, nella trattazione degli aspetti connessi alla posizione degli stranieri e delle misure di prevenzione personali. Inoltre, hanno partecipato alle attività anche equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Lombardia.

Nel corso del servizio, sono state controllate 34 persone tra le quali 14 stranieri, quattro dei quali sono stati accompagnati presso la Questura per l’identificazione. Tre si dovranno recare nei prossimi giorni presso l’Ufficio Immigrazione per la regolarizzazione della loro posizione, mentre nei confronti di un altro straniero, di 31 anni e origini gambiane, è stato emesso un provvedimento di espulsione prefettizia, con conseguente ordine di lasciare il territorio nazionale entro sette giorni emesso dal Questore di Monza e della Brianza Marco Odorisio.

Infine è stato denunciato in stato di libertà un cittadino rumeno di 38 anni in quanto non ha osservato un provvedimento del Divieto di Accesso alle Aree Urbane messo dal Questore nell’ottobre scorso, con il quale gli era stato vietato di accedere alle aree di pertinenza di Piazza Cambiaghi, ove, invece, è stato sorpreso dai poliziotti a bivaccare


© RIPRODUZIONE RISERVATA