Villasanta: si avvicina il taglio del nastro della Casa della Speranza
Villasanta Mobilitiamoci amici Speranza casa della Speranza disabili cooperativa (Foto by Michele Boni)

Villasanta: si avvicina il taglio del nastro della Casa della Speranza

Si sta per realizzare il sogno della Cooperativa La Speranza e dell’associazione Amici della Speranza. L’abitazione di via Edison ospiterà 8 ragazzi disabili il “Durante Noi” e “Dopo di Noi”.

Manca poco per il taglio del nastro della Casa della Speranza a Villasanta. Nel giro di un paio d’anni quello che era un sogno per la Cooperativa La Speranza e l’associazione Amici della Speranza sta diventando realtà. A breve l’abitazione acquisita dalla cooperativa in via Edison, di fianco alla caserma dei carabinieri, ospiterà 8 ragazzi disabili del “Durante Noi” e “Dopo di Noi” per aiutare persone con difficoltà ad avere una minima autonomia.

«Siamo molto contenti – ha raccontato il presidente degli Amici della Speranza Guido Battistini – il prossimo 9 ottobre ci sarà da parte della cooperativa il taglio del nastro. Noi siamo carichi per raccogliere questa scommessa e collaborare». Questo è solo l’atto finale di un lavoro durato diversi mesi, prima con la ristrutturazione e poi con una raccolta fondi per gli arredi.

L’intervento è consistito nella ristrutturazione completa dell’immobile, composto da piano terra e primo piano, e nella sua sopraelevazione per ricavarne un secondo piano. In ciascuno dei piani primo e secondo (ciascuno di 123 metri quadrati) sono stati realizzati: cucina, soggiorno, due camere doppie, un bagno per disabili, un altro servizio, una camera assistente con guardaroba e bagno, un ufficio.

Al piano terreno (120 metri quadrati) è stato ricavato un ampio locale per attività comuni, un bagno per disabili, il locale lavanderia, un locale magazzino. I due piani superiori dell’edificio sono serviti da ascensore realizzato all’esterno del perimetro esistente. Solo la ristrutturazione ha avuto un costo di 365mila euro a cui aggiungere altri 40mila euro per il mobilio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA